PASQUA: CONSIGLI PER RESTARE IN FORMA

Consigli ed indicazioni per trascorrere i giorni di Pasqua senza fare rinunce, ma seguendo una corretta alimentazione per restare in forma. Intervista con la Dott. ssa Barbara Paolini, responsabile scientifico di Cibum

Pasqua-consigli-forma

Consulenza scientifica

Barbara Paolini

Barbara Paolini

Medico Dietologo dell’UO di Dietetica e Nutrizione Clinica presso l’Azienda ospedaliero-universitaria Senese. Professore all'Università di Siena. Presidente Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica, sezione Toscana (ADI).

Dottoressa Paolini sarà una Pasqua diversa dalle altre?

Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi…. Questo proverbio non è purtroppo valido per il secondo anno consecutivo. Siamo infatti costretti a rinunciare alle gite fuori porta, alle scampagnate con gli amici e alle tavolate in compagnia. Festeggeremo la Pasqua in famiglia ed in numero ristretto. Ed il rischio, più degli altri anni, è di gratificarci con la tavola. Con il rischio che ne faccia le spese la bilancia.

Petali Di Fiori Bianchi Rossi E Blu

Colpa del Covid-19?

Da oltre un anno ci siamo riscoperti un popolo di cuochi, pasticceri, pastai appassionati di cucina e pronti a sperimentare di tutto per ingannare il tempo e per gratificarci da altre restrizioni.

Purtroppo però i dati ci fanno notare che tutto questo ha fatto guadagnare a circa il 50% degli italiani almeno 2 Kg. Le ulteriori misure restrittive a causa del Covid-19, protratte oltre la Pasqua, possono essere un ulteriore rischio di aggravamento. È vero che i giorni festivi sono limitati rispetto alle festività natalizie, ma il periodo poco favorevole può complicare e allungare il periodo a rischio.

Come aiutarci?

Il consiglio non è certo quello di mettersi a dieta a Pasqua, ciò infatti rischia di avere risvolti psicologici, emotivi negativi. Il consiglio è di non esagerare con gli eccessi e di cercare di limitare le quantità, mantenendo il rispetto delle tradizioni. Dunque assaggiare poco, ma di tutto!

Pasqua-dieta

Dottoressa, alcuni consigli da seguire nei giorni di Pasqua?

  • La colazione di Pasqua varia da regione a regione e da paese a paese, ma una caratteristica è uguale per tutti: è tradizionalmente ricca! Immancabili le uova, simbolo di resurrezione, il guscio rappresenta il sepolcro da cui Cristo resusciterà e l’interno dell’uovo è segno di forza e nuova vita. Torta al formaggio, casatiello, treccia pasquale abbinate a capocollo, corallina ecc. rappresentano da soli un pasto abbondante. Senza rinunciare limitare le porzioni.
  • Pranzo: evitare antipasti o giocare con delle preparazioni di verdure. Queste infatti possono aiutarci sia a controllare la fame iniziale sia per il controllo dell’indice glicemico del pasto. Se poi si opta per verdure crude fresche di stagione, queste garantiscono anche un maggior apporto di vitamine e sostanze antiossidanti. Limitare la porzione del primo ad un assaggio ed evitare il pane. Generalmente i secondi sono a base di carne da fare alla griglia o arrosto. In questi casi optare per carni più magre riducendo l’utilizzo di grassi per la cottura e soprattutto evitando il sale, ma sostituirlo con spezie e erbe aromatiche fresche che oltre ad insaporire contrastano gli effetti negativi delle sostanze dannose prodotte dalla brace.
  • Ideale terminare il pasto con una bella macedonia di frutta fresca, ma se non vogliamo rinunciare al dolce un pezzetto di uova di cioccolato fondente può essere concesso.
  • Per la cena, dopo una colazione ed un pranzo sicuramente più abbondanti del solito, il consiglio è di limitarsi a verdure e frutta.
  • Per la pasquetta le regole sono le stesse, visto che dobbiamo rinunciare alla gita fuori porta.

Come comportarsi i giorni successivi?

  • Fondamentale evitare di ritrovarci il frigo pieno di avanzi “da smaltire”. È importante infatti cucinare le porzioni giuste. Questo ci toglie da ogni tentazione e permette di riprendere la nostra regolarità alimentare senza troppi problemi.
  • Preferire nei giorni successivi pasti leggeri a base di pesce, verdure, carni magre.
  • Al supermercato non lasciarci tentare dal 3×2! Soprattutto se si tratta di colombe, uova ecc.
  • Mantenersi comunque attivi, facendo ginnastica in casa o se ci è possibile facendo una passeggiata al parco, o in campagna.
  • Se ci sentiamo comunque appesantiti perché un pezzo di dolce o un bicchiere di vino in più a volte è difficile da rinunciarci, cerchiamo di limitare le dosi i giorni seguenti, senza mai saltare i pasti, e aiutiamoci con una tisana al cardo mariano o finocchio.
  • Fondamentale onorare sempre la tavola e noi stessi, allestendola in modo adeguato. Una tavola ben apparecchiata predispone già ad un pasto più gradevole e magari ci fa sentire meno dura qualche rinuncia.

Buona Pasqua!

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

Adesso che sai come fare, continua a seguirci. Ricevi ogni sabato mattina nuove informazioni per la tua salute.

CONDIVIDI

Pensa alle persone che conosci, gli amici, la tua famiglia. Dai loro l’opportunità di stare bene, in salute. Condividi sui social quello che hai appena letto. Più condividi, più te ne saranno grati.

Lascia un commento

Devi loggarti per inserire un commento.