SALUTE DELLE OSSA NELLA DONNA: OSTEOPOROSI E PREVENZIONE

L'osteoporosi è una malattia cronica comune caratterizzata da una diminuzione della densità minerale ossea, una resistenza ossea ridotta e un aumento del rischio di fratture da fragilità. Le fratture da fragilità sono associate a morbilità, mortalità e disabilità significative e rappresentano un grave problema di salute pubblica in tutto il mondo. Scopri come prevenire l’osteoporosi con i medici di Cibum dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese

osteoporosi

Consulenza scientifica

Barbara Paolini

Medico Dietologo dell’UO di Dietetica e Nutrizione Clinica presso l’Azienda ospedaliero-universitaria Senese. Professore all'Università di Siena. Presidente Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica, sezione Toscana (ADI).

OSTEOPOROSI: IN ITALIA COLPITE 3,5 MILIONI DI DONNE

A livello globale, l’osteoporosi colpisce oltre 200 milioni di individui. Circa il 6% degli uomini e il 21% delle donne di età compresa tra 50 e 84 anni soffrono di osteoporosi.

In Italia si stima che siano circa 3,5 milioni le donne e 1 milione gli uomini affetti da osteoporosi. La menopausa, per la donna, con la sua caratteristica riduzione della produzione di estrogeni, che regolano il riassorbimento e il metabolismo del calcio, è uno dei principali fattori di rischio.

Molti fattori di rischio non sono modificabili o poco (familiarità e predisposizione genetica, farmaci, alcune patologie), ma altri possono essere controllati (attività motoria e dieta).

osteoporosi-calcio

LA SANA ALIMENTAZIONE PREVIENE L’OSTEOPOROSI

Un’alimentazione sana ed equilibrata può svolgere un ruolo importante nella prevenzione e patogenesi dell’osteoporosi e nel supporto della terapia farmacologica. 

Il calcio è l’attore principale della salute delle ossa. È il componente principale della matrice ossea mineralizzata dove è contenuto più del 99% del calcio corporeo totale; il suo ruolo chiave nel mantenimento della salute delle ossa per tutta la vita.

I livelli di assunzione di riferimento di nutrienti ed energia per la popolazione italiana (LARN) indicano il fabbisogno giornaliero consigliato di calcio in 1000 mg per gli adulti (maschi e femmine) e 1200 mg per i soggetti di età superiore ai 65 anni, i ragazzi e coloro che soffrono di osteoporosi.

La guida europea per la diagnosi e la gestione dell’osteoporosi nelle donne in postmenopausa raccomanda un’assunzione giornaliera di 800 UI/die di vitamina D per mantenere livelli sierici di 25-idrossivitamina D> 50 nmol/L e 1 g/kg di peso corporeo di proteine per tutte le donne di età superiore ai 50 anni per la prevenzione del deterioramento della salute muscolo-scheletrico correlato all’età.  

Sebbene la terapia farmacologica sembri essere l’opzione di prima linea per ridurre il rischio di fratture negli anziani, non è sempre fattibile e le modifiche dietetiche, in particolare l’aumento dell’assunzione di calcio, vitamina D e proteine, possono essere un’opzione più pragmatica.

Nutrienti e loro effetti sulle ossa (Nutrient.  2020)

I NUTRIENTI AIUTANO LA SALUTE DELLE OSSA

Il calcio e la vitamina D sono necessari per la resistenza ossea. Il modo migliore per ottenere un adeguato apporto di calcio è aderire a una dieta sana. L’apporto nutrizionale è il metodo preferito per l’acquisizione del calcio, perché consente l’introduzione di piccole quantità del minerale nell’arco della giornata. In questo modo, il suo assorbimento è ottimizzato, evitando picchi dell’oscillatore che potrebbero portare a complicazioni cardiovascolari.

L’omeostasi del calcio è, prevalentemente, regolata dalla vitamina D. Un totale dell’80-90% di vitamina D si ottiene dalla sintesi cutanea dopo l’esposizione alla luce solare e il 10-20% da un numero limitato di alimenti, come pesce azzurro, funghi e alcuni latticini se fortificati.

I latticini sono le principali fonti che forniscono nutrienti benefici per le ossa, come calcio, fosforo e magnesio e questi elementi hanno un ruolo morfologico nella struttura sana delle ossa. I latticini sono anche una fonte di proteine, vitamina B-12, zinco, potassio e riboflavina.

Ma altri minerali, come il potassio o il magnesio, hanno un ruolo importante nella salute delle ossa. Il potassio alimentare può ridurre il carico acido e, quindi, l’esaurimento del calcio dalle ossa.

Il magnesio è anche necessario per il metabolismo del calcio. Le popolazioni che consumano più alimenti trasformati (cereali, zuccheri e grassi più raffinati) hanno livelli più bassi di magnesio

Anche l’assunzione di proteine è essenziale per la salute delle ossa. Circa il 50% del volume osseo e circa un terzo della massa ossea è composto da proteine. La Società Europea per gli aspetti Clinici ed Economici dell’Osteoporosi e dell’osteoartrite (ESCEO) raccomanda un apporto di proteine alimentari di 1,0-1,2 g/kg di peso corporeo/giorno. Le principali fonti di proteine nelle diete sane provengono da carne, pesce, pollame, uova e latticini. 

Altre vitamine sono coinvolte nel metabolismo delle ossa quali la K e la C, ma anche folati e vit B12.

dieta-mediterranea

OSTEOPOROSI E DIETA MEDITERRANEA

L’incidenza dell’osteoporosi e fratture da fragilità è molto variabile nei paesi dell’Unione Europea, ma è stato osservato che è inferiore nell’area del Mediterraneo. Recentemente, revisioni della letteratura scientifica hanno confermato che una maggiore aderenza alla dieta mediterranea è associata a un ridotto rischio di frattura totale e ad una maggiore densità minerale ossea.

La dieta mediterranea tradizionale è caratterizzata da un elevato apporto di verdure, legumi, frutta e noci, cereali (che, in passato, erano in gran parte non raffinati), un elevato apporto di olio d’oliva (e un basso apporto di lipidi saturi), un assunzione elevata di pesce (a seconda della vicinanza al mare), assunzione da bassa a moderata di latticini (principalmente sotto forma di formaggio o yogurt), scarsa assunzione di carne e pollame e assunzione regolare, ma moderata di etanolo, principalmente sotto forma di vino durante i pasti.

La ricerca attuale mostra che il consumo di gruppi alimentari tipici della dieta mediterranea, come frutta, verdura, latticini a basso contenuto di grassi e pesce, è essenziale per mantenere una buona salute delle ossa.

In particolare, i frutti ricchi di antiossidanti hanno un effetto positivo sulla salute delle ossa aumentandone il volume, il numero e lo spessore dell’osso trabecolare e diminuendone la separazione trabecolare attraverso la stimolazione della formazione ossea e la soppressione del riassorbimento osseo.

L’uso dell’olio extravergine di oliva (EVO) come principale fonte di grasso si è dimostrato benefico nel prevenire la perdita ossea, probabilmente a causa dell’alto contenuto di polifenoli.

Studi dimostrano che donne in peri- e post-menopausa hanno un maggiore apporto giornaliero di calcio nel caso di livelli più alti di aderenza alla dieta mediterranea.

OSTEOPOROSI E DIETA OCCIDENTALE

Per quanto riguarda la situazione in Europa, come suggerito dallo “studio Framingham“, le persone con diete ricche di alimenti proteici trasformati e cereali raffinati, hanno una densità minerale ossea inferiore e sono associati ad un più alto rischio di fratture.

osteoporosi-dieta

OSTEOPOROSI E DIETA VEGETARIANA

È stato dimostrato che le diete vegetariane contengono quantità inferiori di calcio, vitamina D, vitamina B12, proteine e acidi grassi ω-3, che hanno tutti un ruolo importante nel mantenimento della salute delle ossa. Tuttavia, le diete vegetariane sane di solito contengono maggiori quantità di diversi nutrienti protettivi legati alle ossa come magnesio, potassio, vitamina K e fitonutrienti antiossidanti e antinfiammatori.

Sfortunatamente, le limitate evidenze disponibili suggeriscono che, a conti fatti, i vegetariani, specialmente i vegani, possono essere a maggior rischio di bassa densità minerale ossea e fratture.

BIBLIOGRAFIA

  1. Quattrini S, Pampaloni B et al. The Mediterranean Diet in Osteoporosis Prevention: An Insight in a Peri- and Post-Menopausal Population. Nutrients. 2021
  2. Zupo R, Lampignano L, et al.Association between adherence to the Mediterranean Diet and circulating Vitamin D levels.Int J Food Sci Nutr. 2020
  3. Muñoz-Garach A, García-Fontana B, Muñoz-Torres M. Patterns Related to Osteoporosis. Nutrients. 2020

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

Adesso che sai come fare, continua a seguirci. Ricevi ogni sabato mattina nuove informazioni per la tua salute.

CONDIVIDI

Pensa alle persone che conosci, gli amici, la tua famiglia. Dai loro l’opportunità di stare bene, in salute. Condividi sui social quello che hai appena letto. Più condividi, più te ne saranno grati.

Lascia un commento

Devi loggarti per inserire un commento.