FIORI: BELLI, BUONI E SALUTARI

Il bisogno di innovazione alimentare sia organolettica che nutraceutica, ha spostato l’interesse sui fiori, concepiti come una sorta di "nuovo ortaggio". Tale novità ha preso sempre più campo soprattutto in seguito alla crescente evidenza scientifica dei benefici per la salute umana dei fiori usati come cibo. Scopri con i medici di Cibum dell'Azienda ospedaliero-universitaria Senese proprietà e benefici per la salute dei fiori che possono essere consumati sulla tua tavola

fiori-proprietà-nutrizionali

Consulenza scientifica

Barbara Paolini

Barbara Paolini

Medico Dietologo dell’UO di Dietetica e Nutrizione Clinica presso l’Azienda ospedaliero-universitaria Senese. Professore all'Università di Siena. Presidente Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica, sezione Toscana (ADI).

FIORI POTENZIALI NUTRACEUTICI

L’uso dei fiori come alimento non è una nuova scoperta, i Greci e Romani infatti utilizzavano i i petali di rosa per abbellire i piatti, ma anche per esaltarne le qualità organolettiche. L’uso della malva, della borragine e dell’acacia sono gli esempi più noti di un potenziale alimentare apprezzato dei fiori.

La notevole attività nutraceutica, in termini di potere antiossidante dei fiori, deriva dalla loro ricchezza in composti fenolici. L’elevata attività antiossidante è stata riscontrata non solo nei tessuti fiorali prima della loro ingestione, ma anche dopo i processi digestivi, evidenziando l’effetto bioattivo prolungato dei vari fitochimici

I fiori hanno dimostrato un’ampia gamma di proprietà medicinali contro molte patologie.

Questa attività biologica è proporzionale al contenuto in:

  • carotenoidi
  • flavonoidi (soprattutto antociani)
  • acidi fenolici
  • vitamine

Fig. 1 – Effetto dei nutraceutici presenti in molti fiori, sulla salute umana
Benvenuti S, Front Plant Sci, 2020

FIORI: COLORI DIVERSI, PROPRIETÀ DIFFERENTI

Non è un caso che i fiori siano particolarmente ricchi di queste sostanze fitochimiche poiché il nome antociani deriva dal greco antico “anthos” (=fiore) e “kyáneos” (=blu). Queste sostanze idrosolubili conferiscono i caratteristici colori rosso, viola o blu.

Altri pigmenti di cruciale importanza nutraceutica appartengono alla categoria dei carotenoidi che conferiscono i colori giallo e arancio. Fiori con questi colori, come le diverse specie appartenenti al genere botanico Tagetes, sono particolarmente ricchi di:

  • violaxantina
  • luteina
  • zeaxantina
  • α-caroteni
  • β-caroteni

Tra i caroteni, la concentrazione di luteina ha benefici terapeutici attivi, in particolare per l’occhio umano. I fiori molto ricchi di luteina sono tipici di specie come Tagetes erecta e Tropaeolum majus.

Tagetes erecta
Tagetes erecta
Tropaeolum majus
Tropaeolum majus

GLI OLI ESSENZIALI E MINERALI

Altri composti fitochimici che caratterizzano i fiori sono gli oli essenziali, che sono una miscela con un alto contenuto di terpeni. Gli oli essenziali non sono esclusivi delle erbe aromatiche, come nel caso del basilico, ma sono diffusi anche in molte altre specie ornamentali, come i Chrysanthemum indicum (Crisantemi).

Significativo anche il contenuto di minerali quali il fosforo, potassio, calcio e magnesio, ma anche ferro, manganese, rame e zinco. Ad esempio, i fiori appartenenti al genere botanico Crisantemi, Garofano e Viola sono ricchi di minerali, e in soprattutto di potassio. Alcune specie appartenenti al genere botanico Monarda sono anche molto ricche di calcio e magnesio. Mentre i fiori di Calendula sono ricchi in zinco che interviene nella modulazione della funzione immunitaria.

VALORI NUTRIZIONALI

L’eterogeneità delle strutture botaniche di diverse specie di fiori è strettamente connessa con la loro rispettiva diversità chimica. Il loro valore nutritivo è fornito:

  • dal polline (ricco di proteine e amminoacidi)
  • dal nettare (ricco di zuccheri)
  • dai tessuti della corolla (ricchi di pigmenti, vitamine e microelementi)
Fig. 2 – Sostanze fitochimiche prevalenti nei diversi componenti del fiore commestibile di Lilium bulbiferum (corolla, stigma, polline e nettare)
Benvenuti S, Front Plant Sci, 2020

Il polline è per lo più ricco di carboidrati (13–55%), proteine e amminoacidi (10–40%) e in misura minore di lipidi polinsaturi (1–13%), fibre e pectine, (0,3–20%), minerali (2–6%) e piccole quantità di altre sostanze tra cui alcune vitamine (2–5%) come β-carotene, tiamina, riboflavina, niacina, acido pantotenico, acido ascorbico, biotina, acido folico e tocoferoli.

Questo fitocomplesso indica un importante ruolo nutraceutico delle sue proprietà bioattive per la salute umana. Il polline mostra attività:

  • antiossidante
  • antinfiammatoria
  • anticancerogena
  • antibatterica
  • antimicotica
  • epatoprotettiva
  • antiaterosclerotica
  • modifica o regola le funzioni immunitarie 

Va sottolineato che sebbene il polline sia in grado di generare allergie, questo si verifica tipicamente nelle specie impollinate dal vento caratterizzate da polline molto piccolo capace di aerodispersione. Al contrario, le specie impollinate da insetti (come nel caso delle specie ornamentali) sono caratterizzate da polline di dimensioni maggiori che difficilmente possono causare problemi di allergia. È invece ben noto l’utilizzo del polline come alimento ricco di proprietà nutraceutiche.

Nonostante il suo contenuto limitato nell’intero fiore, il nettare costituisce una miscela equilibrata di amminoacidi e zuccheri costituita da fruttosio, glucosio e saccarosio. Il nettare contiene anche metaboliti secondari come:

  • acidi organici
  • acidi fenolici semplici
  • terpenoidi

Sebbene gli stimmi siano meno importanti e poco studiati come componenti dei fiori commestibili, è stato riscontrato che contengono oli essenziali e carotenoidi.

La corolla, infine, è la porzione principale del fiore che essendo molto pigmentata contribuisce alla maggior parte delle proprietà salutistiche in termini di attività antiossidante grazie alla ricchezza di antociani, altri flavonoidi, carotenoidi, acidi fenolici semplici, acido ascorbico e altre vitamine.

Per quanto riguarda i fiori che possono essere mangiati, non ci sono confini chiari tra le specie commestibili e dipende dal gusto del consumatore. Alcune specie con fiori commestibili, sebbene talvolta utilizzate anche come ornamentali, sono tipiche colture medicinali come la Camomilla, la Calendula e il Tarassaco.

In altri casi, i fiori commestibili appartengono a comuni specie orticole che sono state tradizionalmente (fiore di zucchina) o recentemente (cicoria selvatica), utilizzate come alimento. Esistono anche specie con fiori commestibili coltivate a foraggere come il trifoglio.

Anemone
Anemone

ellaboro
Ellaboro

ATTENZIONE: NON TUTTI I FIORI POSSONO ESSERE MANGIATI!

Dobbiamo però prestare attenzione a non confondere la bellezza dei fiori con la loro fruibilità come alimento, poiché alcuni possono essere tossici o velenosi sia per l’uomo che per gli animali.

La famiglia delle Ranunculaceae è un esempio di famiglia botanica ricca di specie ornamentali, ma quasi sempre tossiche. Queste comprendono le varie specie appartenenti al genere botanico Anemone, RanuncoloAquilegiaElleboro e soprattutto le specie velenose appartenenti al genere Aconito.

Alcune famiglie botaniche hanno specie i cui fiori sono commestibili, ma altre specie sono tossiche. È dunque importante non avventurarsi e sperimentare da soli senza conoscenza!

BIBLIOGRAFIA

Bibliografia

  1. Benvenuti S, Mazzoncini M. The biodiversity of edible flowers: discovering new tastes and new health benefits. Front Plant Sci. 2020
  2. Janaeny G et al. J nutraceutical potential of dietary phytochemicals in edible flowers-a review. Food Biochem. 2021
  3. Lu B, Li M, Yin R. Phytochemical content, health benefits, and toxicology of common edible flowers: a review (2000-2015). Crit Rev Food Sci Nutr. 2016
  4. Khoo HE, Azlan A, Tang ST, Lim SM. Anthocyanidins and anthocyanins: colored pigments as food, pharmaceutical ingredients, and the potential health benefits. Food Nutr. Res. 2017
  5. Kroyer G, Hegedus N. Evaluation of bioactive properties of pollen extracts as functional dietary food supplement. Innovative ıInnov Food Sci Emerg Technol. 2001

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

Adesso che sai come fare, continua a seguirci. Ricevi ogni sabato mattina nuove informazioni per la tua salute.

CONDIVIDI

Pensa alle persone che conosci, gli amici, la tua famiglia. Dai loro l’opportunità di stare bene, in salute. Condividi sui social quello che hai appena letto. Più condividi, più te ne saranno grati.

Lascia un commento

Devi loggarti per inserire un commento.