NUTRACEUTICI: COMBATTONO INFIAMMAZIONE E RISCHIO CARDIOVASCOLARE (1)

L'infiammazione è un marker obbligatorio di malattia cardiovascolare aterosclerotica. La terapia farmacologica è la principale forma di difesa nel ridurre il rischio. Oltre ai farmaci, i prodotti naturali (nutraceutici) hanno un loro ampio ruolo soprattutto mirato sulla riduzione dei lipidi (riso rosso e acidi grassi omega-3) per prevenire le malattie cardiovascolari. Scopri tutti i loro benefici e proprietà con i medici di Cibum dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese in questa prima pubblicazione. In quella della prossima settimana, verranno descritte le azioni dettagliate

nutraceutici

Consulenza scientifica

Barbara Paolini

Barbara Paolini

Medico Dietologo dell’UO di Dietetica e Nutrizione Clinica presso l’Azienda ospedaliero-universitaria Senese. Professore all'Università di Siena. Presidente Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica, sezione Toscana (ADI).

NUTRACEUTICI E INFIAMMAZIONE

Assieme ad una mirata terapia farmacologica, anche i prodotti nutraceutici possono apportare benefici alla salute e ridurre il rischio di malattie. La loro azione può essere importante non solo nel controllare i grassi, ma anche per il potenziale ruolo di influenzare i parametri infiammatori e, di conseguenza, di svolgere un ruolo supplementare nella riduzione del rischio CVD residuo correlato all’infiammazione.

Ricordiamoci sempre che la dieta è un importante determinante dello stile di vita per la salute e può influenzare l’infiammazione sia sistemica che vascolare, in misura variabile, a seconda dei singoli costituenti nutraceutici.

nutraceutici-infiammazione

NUTRACEUTICI E RISCHIO CARDIOVASCOLARE

Una recente Position Paper ha stilato il ruolo dei nutraceutici sul controllo dei biomarcatori plasmatici di infiammazione correlati al rischio cardiovascolare (azione sui livelli di proteina C-reattiva o interleuchina 6) che identificano i pazienti con un più alto rischio cardiovascolare.

In questa Position Paper del gruppo di lavoro International Lipid Expert Panel, per ogni nutraceutico sono state assegnate delle classi di raccomandazione in base ai dati di letteratura (Tab. 1-2) che ne determinano l’importanza nel ruolo di prevenzione cardiovascolare.

Classi di raccomandazioniDefinizioneFormulazione suggerita da usare
Classe IEvidenza e/o accordo generale che il trattamento è vantaggioso, utile, efficaceÈ consigliato e indicato
Classe IIEvidenze contrastanti sull’utilità e efficacia del trattamento
Classe IIaEvidenze a favore dell’utilità e efficaciaDovrebbe essere considerato
Classe IIbEvidenze non è del tutto chiare sull’utilità e l’efficacia Potrebbe essere considerato
Classe IIIEvidenze o consenso generale che il trattamento non è utile e efficace e in alcuni casi può essere dannoso



Tab. 1 – Classificazione di raccomandazione in classi di nutraceutici
Ruscica M. Progress in Cardiovascular Diseases 27 June 2021

NutraceuticiClasse
Acidi grassi Omega-6IIb
Acidi grassi Omega-3I
FlavonoidiIIa
CurcuminaIIa
BergamottoIII
AglioIIb
BerberinaIIb
RYRI
SoiaIIa
LupinoIII

Tab. 2 modificata – Raccomandazioni ILEP sull’effetto dei nutraceutici sui parametri infiammatori.
Ruscica M. Progress in Cardiovascular Diseases 27 June 2021
nutraceutici-cibi

La Position fornisce una valutazione obiettiva dei nutraceutici con potenziale attività antinfiammatoria, classificandoli in base al meccanismo d’azione. Questo al fine di consigliarne l’uso del maggior potenziale sulla base delle evidenze disponibili.

BIBLIOGRAFIA

  1. Ruscica M. et al. Impact of nutraceuticals on markers of systemic inflammation: Potential relevance to cardiovascular diseases – A position paper from the International Lipid Expert Panel (ILEP). Progress in Cardiovascular Diseases, 2021
  2. Banach M, Patti AM, et al. International lipid expert panel (ILEP). The role of nutraceuticals in statin intolerant patients. J Am Coll Cardiol, 2018
  3. Medina-Remon , R. Casas , A. Tresserra-Rimbau , et al. Polyphenol intake from a Mediterranean diet decreases inflammatory biomarkers related to atherosclerosis: a substudy of the PREDIMED trial.Br J Clin Pharmacol, 2017
  4. Sarria B, et al. Regular consumption of a cocoa product improves the cardiometabolic profile in healthy and moderately hypercholesterolaemic adults. Br J Nutr, 2014

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

Adesso che sai come fare, continua a seguirci. Ricevi ogni sabato mattina nuove informazioni per la tua salute.

CONDIVIDI

Pensa alle persone che conosci, gli amici, la tua famiglia. Dai loro l’opportunità di stare bene, in salute. Condividi sui social quello che hai appena letto. Più condividi, più te ne saranno grati.

Lascia un commento

Devi loggarti per inserire un commento.