ALLENAMENTO CON I PESI E OVERREACHING NON FUNZIONALE

Sebbene l’allenamento di endurance sia quello che espone maggiormente al rischio di overreaching non funzionale e di superallenamento, anche l’allenamento in palestra con i pesi può produrre risultati non sempre positivi. È perciò necessario fare adeguata attenzione al recupero durante la settimana ed evitare di sommare all’allenamento con i pesi fattori di stress extrasportivi che possono determinare uno stato di sovraffaticamento con comparsa di disturbi. Scopri come fare con i medici di Cibum dell’Università di Siena

allenamento-forza-supercompensazione

Consulenza scientifica

Marco Bonifazi

Marco Bonifazi

Specialista in Medicina dello Sport, è Professore associato di Fisiologia
presso il Dipartimento di Scienze Mediche, Chirurgiche e Neuroscienze dell’Università di Siena. Coordinatore tecnico del Centro Studi e Ricerche della Federazione Italiana Nuoto. Ha partecipato, come medico e dirigente tecnico a otto edizioni dei Giochi Olimpici, dal 1988 al 2016.

LA FATICA ACUTA

L’allenamento con i pesi determina una condizione di affaticamento acuto per compromissione dei meccanismi neuromuscolari con riduzione del capacità di reclutamento e di sincronizzazione delle unità motorie (in primo luogo di quelle rapide) e diminuzione delle prestazioni a breve termine (da diversi secondi a poche ore).

Il recupero varia in base all’intensità, alla durata e alla tipologia dell’allenamento. Per un allenamento di volume ridotto e intensità inferiore al 70% di 1RM il ripristino meccanico e biochimico è solitamente di poche ore. Invece, a seguito di allenamenti intensi (oltre il 70-80% di 1 RM) e prolungati possono essere necessarie sino a 3-4 giorni, oltre che per il recupero biochimico, sopratutto per la riparazione dei microtraumi generati dal lavoro muscolare e il ripristino del controllo neuromuscolare.

I tempi possono ovviamente variare in funzione, fra l’altro, del grado di adattamento individuale e dell’effetto cumulative del carico allenante.

allenamento-forza-recupero

AFFATICAMENTO CRONICO

Mentre una singola seduta di allenamento con i sovraccarichi provoca affaticamento acuto e diminuzione delle prestazioni, periodi a breve termine (due-tre settimane) di accumulo di allenamento superiore al livello abituale e seguito da un recupero attivo adeguato (diversi giorni) possono portare a supercompensazione (overreaching funzionale).

Oppure, se il carico di allenamento si è protratto eccessivamente o il recupero è stato incompleto (o lo stress da fattori extrasportivi era eccessivo), il lavoro porta a un diminuita risposta adattiva e decremento delle prestazioni a lungo termine, nota come overreaching non funzionale.

allenamento-forza-overreaching

POSSIBILI CONSEGUENZE

In tali condizioni, insistere con lo stesso regime di allenamento può portare, anche se per fortuna raramente, alla sindrome da superallenamento con la comparsa di disturbi funzionali e anche veri e propri sintomi.

Questo vale anche per gli sport di forza (per esempio, il sollevamento pesi) e anche per le discipline con lavoro a blocchi di alta intensità quale il CrossFit. L’evidenza comunque indica che l’overreaching non funzionale è una conseguenza possibile e reale di un allenamento eccessivo in assenza di un recupero sufficiente anche nelle discipline di forza.

DALL’OVERREACHING FUNZIONALE A QUELLO NON FUNZIONALE

Potrebbe esistere una fase di transizione dose-risposta dalla condizione funzionale a quella non funzionale identificabile attraverso alterazioni di qualche indicatore.

Tuttavia, allo stato attuale, non esistono strumenti di analisi per identificare e prevenire la fase di transizione ipotizzata. Diversi indici neuroendocrini, neuromuscolari e biochimici sono stati studiati in questo senso negli sport di forza, ma nessun metodo è stato in grado di identificare il momento in cui l’overreaching funzionale diventa non funzionale o addirittura superallenamento.

allenamento-forza-integratori

L’ESPERTO: INTEGRATORI ALIMENTARI E OVERREACHING

“Gli effetti di vari integratori alimentari sono stati studiati durante periodi di aumento mirato del carico di allenamento con i pesi per generare un overreaching non funzionale in modo intenzionale. Fra questi: vari amminoacidi, acido β-idrossi β-metilbutirrico (HMB-FA), creatina monoidrato, e diverse forme di supplementazione multipla”. Afferma il Prof. Marco Bonifazi, che spiega: “Alcuni sostengono che l’integrazione durante un aumento mirato dell’allenamento può aiutare a prevenire gli effetti deleteri del sovraccarico, tuttavia nella maggior parte degli studi non è stato osservato alcun cambiamento. Nel complesso, la letteratura scientifica attuale è tutt’altro che conclusiva riguardo ai benefici dell’integrazione alimentare durante periodi di incrementi del carico di allenamento”.

BIBLIOGRAFIA

  1. Bell L, Ruddock A, Maden-Wilkinson T, Rogerson D. Overreaching and overtraining in strength sports and resistance training: a scoping review. J Sports Sci. 2020

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

Adesso che sai come fare, continua a seguirci. Ricevi ogni sabato mattina nuove informazioni per la tua salute.

CONDIVIDI

Pensa alle persone che conosci, gli amici, la tua famiglia. Dai loro l’opportunità di stare bene, in salute. Condividi sui social quello che hai appena letto. Più condividi, più te ne saranno grati.

Lascia un commento

Devi loggarti per inserire un commento.