2 GIUGNO: GIORNATA SUI DISTURBI DELL’ALIMENTAZIONE

disturbi-alimentari

Consulenza scientifica

Barbara Paolini

Barbara Paolini

Medico Dietologo dell’UO di Dietetica e Nutrizione Clinica presso l’Azienda ospedaliero-universitaria Senese. Professore all'Università di Siena. Presidente Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica, sezione Toscana (ADI).

Il 2 giugno è la Giornata Mondiale sui Disturbi dell’Alimentazione. Secondo i dati diffusi da alcuni centri multidisciplinari dell’Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica,  solo nell’ultimo anno, i casi di disturbi alimentari sono aumentati in media del 30% rispetto allo stesso periodo 2019-2020, con un abbassamento della fascia di età (13-16 anni) e un incremento delle diagnosi soprattutto di anoressia nervosa.

Tra i fattori scatenanti sicuramente le condizioni generali dovute alla pandemia da Covid-19 come: l’isolamento sociale, le incognite sul rientro a scuola, il distanziamento forzato dai coetanei, la paura del contagio associati spesso alla perdita di controllo e al maggior tempo a disposizione per concentrarsi sull’immagine di sé.

La Giornata Mondiale sui Disturbi dell’Alimentazione del 2 giugno è un evento che si è costituito negli Stati Uniti d’America da parte di associazioni di famigliari e di pazienti e che viene celebrato in tutto il globo.

Questo movimento ha suscitato interesse e coinvolgimento anche figure del campo scientifico, politico e soprattutto ha intensificato la campagna de-mistificatrice e di sensibilizzazione in convegni, scuole, aziende e attività sui social media. Unendo attivisti di tutto il mondo, l’obiettivo è espandere la consapevolezza globale dei disturbi alimentari come malattie curabili che possono colpire chiunque.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

Adesso che sai come fare, continua a seguirci. Ricevi ogni sabato mattina nuove informazioni per la tua salute.

CONDIVIDI

Pensa alle persone che conosci, gli amici, la tua famiglia. Dai loro l’opportunità di stare bene, in salute. Condividi sui social quello che hai appena letto. Più condividi, più te ne saranno grati.

Lascia un commento

Devi loggarti per inserire un commento.