ALLERGIE E MOLECOLE RESPONSABILI: LE PROFILINE

Sono molecole piccolissime spesso responsabili di reazioni allergiche quando consumiamo alimenti vegetali. Complici i pollini, presenti nel periodo primaverile, le profiline possono scatenare allergie soprattutto in persone allergiche alla Betulla, alle Graminacee ed all’Ambrosia. Scopri di più con i medici di Cibum dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese

betulla-profiline-allergia

Consulenza scientifica

Barbara Paolini

Barbara Paolini

Medico Dietologo dell’UO di Dietetica e Nutrizione Clinica presso l’Azienda ospedaliero-universitaria Senese. Professore all'Università di Siena. Presidente Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica, sezione Toscana (ADI).

ALIMENTI E ALLERGIE

Tutti gli alimenti possono dare allergia. Un alimento può essere una fonte allergenica, ovvero contenere numerosi allergeni verso cui il nostro sistema immunitario crea specifiche Immunoglobuline di classe E (IgE), che si legano ai mastociti nel sangue. L’incontro con l’allergene fa degranulare queste cellule, scatenando la reazione allergica.

Si deve inizialmente “sensibilizzarsi” verso l’allergene ovvero produrre le IgE contro lo specifico allergene e ad un successivo incontro con l’alimento l’arsenale di IgE potrà innescarsi e dar vita alla reazione allergica vera e propria con specifici sintomi clinici.

La sola “sensibilizzazione” è la presenza di anticorpi di classe IgE dosabili, ma non necessariamente può dare la reattività clinica e pertanto non è condizione sufficiente per considerare il paziente allergico a quell’alimento: ci deve essere un nesso di causalità tra la presenza di IgE specifiche e la reazione allergica occorsa!

La reattività IgE mediata avviene in tempi rapidi da pochi minuti sino a massino un’ora (in media) dall’ingestione dell’alimento: ecco perché l’allergia IgE mediata è definita “immediata”. Il dato temporale di innesco della reazione è importante ed informativo nel corso dell’anamnesi di sospetta allergia alimentare.

GLI ALLERGENI

Allergeni o antigeni” sono molecole complesse (peptidi, zuccheri, lipidi, acidi nucleici) estranee all’organismo e, in quanto tale, capace di suscitare una risposta immunitaria.

Gli anticoprpi IgE vengono prodotti dal sistema immunitario solo contro alcuni segmenti di molecola che sono definiti epitopi. L’epitopo è l’entità molecolare più piccola riconoscibile dal sistema immunitario. Questi sono caratterizzati da catene aminoacidiche lineari legate da ponti disolfuro molto difficili da rompere e sono resistenti al calore e alla digestione gastrica (termo e gastro resistenti). Ma ci sono anche epitopi più deboli costituiti da catene che si ripiegano su stesse, più labili al calore e alla digestione gastrica (termo e gastrolabili). Maggiore è la restistenza al calore e alla digestione degli epitopi, maggiore sarà la reazione allergica.

arachidi-allergia

LE PROFILINE

Le profiline sono una famiglia di proteine, presenti in tutte le cellule eucariotiche delle piante dei funghi, dei protozoi, degli animali e dei virus.

Di solito le profiline sono allergeni minori dei pollini, ovvero sensibilizzano meno del 50% degli allergici a quel polline, mentre possono essere degli allergeni maggiori (sensibilizzare oltre il 50%) in alcuni alimenti di origine vegetale, per questo chiamate anche “panallergeni”.

Colpisce circa il 30% dei soggetti allergici alla Betulla, alle Graminacee ed all’Ambrosia. Sono le molecole tridimensionali ripiegate su se stesse epiù labili, il calore e il pH acido gastrico le denatura l’allergene e la reattività di questi epitopi.

Le profiline sono presenti in numerose piante, ma anche in numerosi alimenti vegetali. La sensibilizzazione verso una determinata profilina a causa della elevata similitudine comporta una cross-reattività tra diversi inalanti e tra inalanti e alimenti. La sensibilizzazione avviene per via respiratoria attraverso i pollini cross-reattivi. Nei soggetti sensibilizzati, l’ingestione di vegetali con profiline determina le reazioni locali.

Da ricordare che la profilina del Sedano è parzialmente resistente al calore e quindi può scatenare reazioni allergiche anche dopo cottura.

proteine-allergie

L’ESPERTA: I SINTOMI DELLE PROFILINE

“Gli epitopi labili producono reattività soprattutto nel sito di ingestione: cavo orale e lingua con risoluzione spontanea in breve tempo.” Indica la dottoressa Barbara Paolini, che aggiunge: “La sintomatologia si esprime solo come “Sindrome Orale Allergica (SOA)”, fastidiosa ma non pericolosa, si manifesta con prurito alle labbra lingua, al palato, alle labbra, alla gola, associato o meno a lieve angioedema delle stesse sedi, indotte dagli alimenti crudi.”

DOVE SI TROVANO LE PROFILINE?

Suddivisione in base alle categorie di appartenenza:

ALBERIGRAMINACEE
Bet v 2 – BETULLA – Betulla verrucosaCyn d 12 – ERBA CANINA – Cynodon dactylon
Cor a 2 – NOCCIOLO – Corylus avellanaHor v 12 – ORZO – Hordeum vulgare
Ole e 2 – OLIVO – Olea europaeaOry s 12 – RISO – Oryza sativa
Pho d 2 – PALMA – Phoenix dactyliferaPhl p 12 – CODOLINA – Phleum pratense

Tri a 12 – FRUMENTO – Tritium aestivum

Zea m 12 – GRANOTURCO – Zea mays


ERBEFRUTTA
Ama r 2 – AMARANTO COMUNE – Amaranthus retroflexusAna c 1 – ANANAS – Ananas comosus
Amb a 8 – AMBROSIA – Ambrosia artemisiifoliaCit s 2 – ARANCIO – Citrus sinesis
Art v 4 – ASSENZIO SELVATICO – Artemisia vulgarisCit la 2 – COCOMERO – Citrullus lanatus
Bra n 8 – COLZA – Brassica napusCor a 2 – NOCCIOLA – Corylus avellana
Che a 2 – FARINACCIO – Chenopodium albumCuc m 2 – MELONE – Cucumis melo
Cro s 2 – ZAFFERANO – Crocus sativusFra a 4 – FRAGOLA – Fragraria ananassa
Hel a 2 – GIRASOLE – Helianthus annuusLit c 1 – LITCHI – Litchi chinensis
Hum j 2 – LUPPOLO – Humulus japonicusMal d 4 – MELA – Malus domestica
Mer a 1 – MERCORELLA – Mercurialis annuaMan i 3 – MANGO – Mangifera indica
Nic t 8 – TABACCO – Nicotiniana tabacumMus a 1 – BANANA – Musa acuminata
Par j 3 – PARIETARIA – Parietaria judaicaPru av 4 – CILIEGIA – Prunus avikum
Ric c 8 – RICINO – Ricinus communisPru p 4 – PESCA – Prunus persica
Sal k 4 – SALSOLA – Salsola kaliPyr c 4 – PERA – Pyrus communis

Vit v 4 – UVA – Vitis vinifera


VERDURELEGUMI
Api g 4 – SEDANO – Apium graveolensGly m 3 – SOIA – Glycine max
Cap a 2 – PEPEPRONE – Capsicum anuum
Dau c 4 – CAROTA – Daucus carota
Lyc e 1 – POMODORO – Lycopersicon esclulentum
Pet c 2 – PREZZEMOLO – Petroselinum crispum
Sol t 8 – PATATA – Solanum tuberosum


LATEXNOCI/SEMI
Hev b 8 –LATICE –ALBERO DELLA GOMMA – Hevea brasiliensisCor a 2 – NOCCIOLA – Corylus avellana

Pru du 4 – MANDORLA – Prunus dulcis

Ara h 5 – ARACHIDE – Aeachis hypogea

LE PROFILINE: DIAGNOSI

Quando un’accurata anamnesi fa sospettare una sindrome allergica vengono fatti test cutanei (I livello), Skin Prick (applicazione di alcune gocce di allergene sull’avambraccio) o il Prick by Prick Test (attraverso l’utilizzo dell’alimento fresco). Se questo è positivo, sommato ad un episodio di Sindrome Orale Allergica riferito dal soggetto in questione, porta alla valutazione mediante i test molecolari.

Si ricerca (con prelievo di sangue) le IgE attive contro molecole ricombinate e altamente purificate e prendono il nome di “molecular based diagnosis” MBD. Il sistema microarray, utilizzato nei test molecolari, è in grado di valutare i livelli di IgE nei confronti di tutte le profiline fin’ora conosciute.

I test molecolari permettono non solo di individuare le possibili reazioni crociate tra le piante e gli alimenti, ma anche di evidenziare verso quale panallergene del determinato alimento è presente la sensibilizzazione.

sedano-allergia

LE PROFILINE: TERAPIA

Ricordiamo che non tutte le persone allergiche ai pollini hanno una allergia crociata agli alimenti e non tutti gli alimenti elencati possono dare allergie. È opportuno che sia il medico ad indicare quale dieta seguire. La terapia dietetica prevede esclusione di tutti gli alimenti appartenenti alla stessa famiglia. Di seguito alcuni esempi:

Betulla: mela, pera, banana, nespola, pesca, ciliegia, albicocca, prugna, kiwi, lampone, fragola, litchi, carota, sedano, finocchio, prezzemolo, nocciola, noce, arachide, mandorla

Parietaria: pisello, fagiolo, arachide, pistacchio, soia, gelso

Assenzio e Ambrosia: sedano, carote, melone, anguria, banana

Graminacee: sedano, orzo, avena, mais, riso, segale, frumento, kiwi, anguria, pesca, prugna, agrumi, melone, albicocca, ciliegia, pomodoro, bietole, mandorla, arachide

Sindromi allergeniche polline-alimenti

Neri P. La diagnosi di allergia alle profiline

BIBLIOGRAFIA

  1. Neri P, Asero R et al. La diagnosi di allergia alle profiline. Commissione Diagnostica Allergologica della SIAIP Rivista di Immunologia e Allergologia Pediatrica 06/2011
  2. Molecular Allergology User’s Guide, EAACI (European Academy of Allergy and Clinical Immunology), 2016
  3. Jensen-Jarolim E, Canonica W. et al. Debates in allergy medicine: Molecular allergy diagnosis with ISAC will replace screenings by skin prick test in the future. World Allergy Organization Journal, 2017
  4. Elissa M. Abrams, Scott H. Sicherer. Diagnosis and management of food allergy. CMAJ. 2016

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

Adesso che sai come fare, continua a seguirci. Ricevi ogni sabato mattina nuove informazioni per la tua salute.

CONDIVIDI

Pensa alle persone che conosci, gli amici, la tua famiglia. Dai loro l’opportunità di stare bene, in salute. Condividi sui social quello che hai appena letto. Più condividi, più te ne saranno grati.

Lascia un commento

Devi loggarti per inserire un commento.