DOLCIFICANTI DI SINTESI: UN’ALTERNATIVA ALLO ZUCCHERO?

Tutti noi, sin dalla nascita, presentiamo una preferenza innata per il gusto dolce: il nostro cervello, infatti, associa questo gusto all’introduzione di energia, fondamentale per la corretta funzionalità di tutto l’organismo. Crescendo però, impariamo che i carboidrati, in particolare gli zuccheri semplici, possono rappresentare un pericolo per la nostra salute, aumentando il rischio di obesità e diabete. Come fare, quindi, per non rinunciare al dolce? Scoprilo con i medici di Cibum dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese

aspartame

Consulenza scientifica

Giulia Tavella

Dottore in Dietistica. Ha conseguito la laurea triennale in Dietistica nel 2018 e laurea magistrale in Scienze dell’Alimentazione nel 2021. Svolge attività libero professionale, occupandosi di educazione alimentare e nutrizione per patologia. Si occupa da sempre con maggiore attenzione dell’alimentazione per la salute della donna.

EDULCORANTI NATURALI E SINTETICI

I dolcificanti o edulcoranti sono sostanze usate come ingredienti per rendere più dolci le bevande e gli alimenti. Possono essere classificati in base a varie caratteristiche, come l’origine, il potere energetico e il potere dolcificante. Si possono distinguere in:

  • edulcoranti naturali, come saccarosio, fruttosio, sorbitolo e mannitolo
  • edulcoranti semisintetici, come l’aspartame
  • edulcoranti sintetici, come acesulfame K, sucralosio e saccarina

I dolcificanti sintetici, in particolare, sono caratterizzati da un valore nutrizionale pressoché trascurabile, cioè non apportano calorie e presentano un potere dolcificante molto alto rispetto allo zucchero classico, costituito da saccarosio.

Dal punto di vista normativo, i dolcificanti di sintesi sono considerati come additivi alimentari. Questo significa che prima di essere autorizzati per l’uso da agenzie come l’European Food Safety Authority (EFSA), devono essere scrupolosamente analizzati per stabilire il valore di Dose Giornaliera Accettabile (DGA), cioè la quantità espressa in milligrammi per chilogrammo di peso corporeo che un individuo può assumere per tutta la vita senza rischi per la salute.

zuccheri-semplici-edulcoranti

ZUCCHERO: LE ALTERNATIVE

EDULCORANTI PIÙ COMUNI

Quali sono i più comuni dolcificanti sintetici che troviamo tra gli ingredienti di ciò che mangiamo?

  • Aspartame (E951): scoperto nel 1965, è uno dei più conosciuti e dibattuti dolcificanti. Apporta circa 4 kcal per grammo e non è adatto ad essere utilizzato in cottura o nei prodotti da forno. Il processo di degradazione cui va incontro nel nostro organismo, comporta la formazione di fenilalanina, un amminoacido essenziale che non deve essere assunto dai malati di fenilchetonuria, una malattia metabolica ereditaria. Per quanto riguarda la popolazione sana, i controlli e gli studi effettuati da EFSA negli ultimi anni garantiscono che l’aspartame sia ragionevolmente sicuro per l’uso umano e anche in gravidanza, senza causare rischi per la salute.
  • Acesulfame di potassio (o Acesulfame K, E950): è tra i dolcificanti che più comunemente troviamo nei prodotti alimentari. Questa sostanza è stabile alle temperature elevate, tant’è che può essere utilizzata anche in prodotti da forno. Ha un potere edulcorante di 180-200 volte superiore al saccarosio e non fornisce energia. Se utilizzato ad alte concentrazioni, presenta un retrogusto leggermente amaro, che può essere ridotto grazie all’uso di altri dolcificanti nello stesso prodotto.
  • Neoesperidina (E959): ottenuta dalla naringina, componente naturale delle arance amare e del pompelmo, la neoesperidina ha un potere dolcificante fino a 2000 volte superiore al saccarosio e dà una sensazione persistente nel tempo e con un retrogusto di liquirizia e mentolo, che la rende utilizzabile solo per prodotti come chewing gum o alcune bevande.
  • Sucralosio (E955): derivato dal saccarosio, ha un potere dolcificante di 600 volte superiore ad esso, ma senza apportare calorie. La dose giornaliera da non superare è di 5 mg per chilogrammo di peso corporeo. È considerato l’edulcorante artificiale più stabile e per questo largamente utilizzato in cibi e bevande, anche in combinazione con altri dolcificanti. L’EFSA, oltre a confermare la sua sicurezza d’utilizzo per l’uomo, ha anche autorizzato un claim secondo cui i prodotti contenenti sucralosio al posto dello zucchero inducono un minor incremento glicemico post-prandiale, rendendolo utile per contrastare iperglicemia e diabete.
naringina

EDULCORANTI: DOLCI, MA SENZA CALORIE

Come abbiamo detto, i dolcificanti sintetici non apportano calorie e non sono metabolizzati dall’organismo, quindi non hanno effetti sulla glicemia e possono essere utilizzati con tranquillità anche da persone con problemi di diabete e obesità. Proprio per questo motivo, possono essere considerati come degli utili stratagemmi per addolcire cibi e bevande, pur rispettando la limitazione degli zuccheri semplici.

IL NEOTAMO

Il neotamo è indicato con la sigla E961 ed è uno degli ultimi dolcificanti artificiali approvato dalle agenzie regolatorie. Il neotamo deriva dal suo fratello celebre, l’aspartame, ed è stato approvato per l’uso in Europa nel 2010. La dose giornaliera accettabile (DGA) è di 0-2 mg per chilogrammo di peso corporeo al giorno.

È un edulcorante acalorico, con un potere dolcificante di 7000-13000 volte superiore allo zucchero, caratteristica che lo rende il dolcificante più potente in assoluto! Si presenta come una polvere biancastra inodore ed è caratterizzato da una limitata solubilità in acqua. Dal punto di vista del sapore, ha un retrogusto che ricorda la liquirizia ed è in grado di accentuare e prolungare le proprietà aromatizzanti di alcuni ingredienti, come la menta, rendendolo ideale per prodotti come le chewing gum.

Inoltre, essendo un additivo chimicamente stabile, può essere anche utilizzato per cucinare o per i prodotti da forno, ma lo si trova principalmente nella lista degli ingredienti di bevande light. Non lasciando residui metabolici nell’organismo, sembrerebbe essere uno tra i dolcificanti artificiali più sicuri, adatto anche a coloro che sono affetti da fenilchetonuria e utilizzabile anche in gravidanza, a differenza dell’aspartame. Al tempo stesso però, essendo stati approvati recentemente, è importante ricordare che non esistono studi ed evidenze sufficienti in merito ai possibili rischi legati al consumo di neotamo e quindi rimane fondamentale il consiglio di introdurre questi prodotti in maniera occasionale!

edulcoranti-fanno-male

L’ESPERTA: EDULCORANTI SINTETICI, CONSUMARE SALTUARIAMENTE

“Il fatto che questi additivi siano sempre più utilizzati dall’industria alimentare ha stimolato la curiosità degli studiosi, che da tempo indagano sulla possibile correlazione tra consumo di cibi e bevande contenenti dolcificanti artificiali e cancro, diabete, obesità ed obesità infantile. Alcuni studi, infatti, hanno evidenziato come i dolcificanti di sintesi possono interferire con la composizione del microbiota intestinale e, di conseguenza, possono alterare la sensibilità all’insulina e favorire l’instaurarsi di obesità, diabete e sindrome metabolica”. Indica il dottoressa Giulia Tavella, che afferma: “Inoltre, quando scegliamo di consumare prodotti cosiddetti “light”, contenenti questo tipo di dolcificanti, potremmo cadere nella tentazione di mangiarli più spesso e in maggiore quantità. Questo perché il gusto dolce percepito dal nostro cervello stimolerà la produzione di insulina, ma, non registrando l’introduzione di energia, non bloccherà lo stimolo della fame, invogliandoci a mangiare di più! Dobbiamo ricordarci, quindi, che si tratta di ingredienti tipici di prodotti processati e che, come tali, dovremmo consumarli solo saltuariamente, esattamente come i prodotti contenenti grosse quantità di zuccheri semplici. Per questo motivo, è molto meglio concedersi un vero dolce una volta ogni tanto, invece che abusare di prodotti di questo tipo”.

BIBLIOGRAFIA

  1. CREA – Centro di Ricerca Alimenti e Nutrizione. Linee guida per una sana alimentazione, dossier scientifico. 2018
  2. Paolini B, Buccianti M. La cucina metabolica 2.0. La fibra: come integrare la dieta con gusto e salute. Oxys publishing, 2014
  3. Lohner S, Toews I, Meerpohl JJ. Health outcomes of non-nutritive sweeteners: analysis of the research landscape. Nutrition Journal 2017
  4. Suez J, Korem T, Zeevi D, et al. Artificial sweeteners induce glucose intolerance by altering the gut microbiota. Nature 2014
  5. Pearlman M, Obert J, Casey L. The association between artificial sweeteners and obesity. Curr Gastroenterol Rep. 2017
  6. Aguero SD, Davila LA, et al. Noncaloric sweeteners in children: a controversial theme. Biomed Res Int. 2018
  7. Stanley L. External Scientific Report. Review of data on the food additive aspartame. Supporting Publications 2013
  8. Chattopadhyay S, Raychaudhuri U, Chakraborty R. Artificial sweeteners – a review. J Food Sci Technol 2014
  9. Weihrauch MR, Diehl V. Artificial sweeteners – do they bear a carcinogenic risk? Ann Oncol. 2004
  10. Magnuson BA, Roberts A, Nestmann ER. Critical review of the current literature on the safety of sucralose. Food Chem Toxicol. 2017

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

Adesso che sai come fare, continua a seguirci. Ricevi ogni sabato mattina nuove informazioni per la tua salute.

CONDIVIDI

Pensa alle persone che conosci, gli amici, la tua famiglia. Dai loro l’opportunità di stare bene, in salute. Condividi sui social quello che hai appena letto. Più condividi, più te ne saranno grati.

Lascia un commento

Devi loggarti per inserire un commento.