ACQUE TRATTATE O ACQUE MINERALI?

La scelta dell'acqua da bere può essere variabile e dipende dalle necessità personali. Dalla normativa comunitaria (Direttiva numero 98/38), tra le acque per usi umani, vi sono le acque (trattate e non), destinate al consumo umano, utilizzate per la preparazione di cibi e bevande o per altri usi domestici (in Italia, D.Lgs. N. 31 del 02/02/2001). Scopri come scegliere con i medici di Cibum dell’Azienda ospedaliera-universitaria Senese

acqua-minerale

Consulenza scientifica

Barbara Paolini

Medico dietologo e direttore dell’UO di Dietetica e Nutrizione Clinica presso l’Azienda ospedaliero-universitaria Senese. Professore all'Università di Siena. Presidente Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica, sezione Toscana (ADI).

ACQUA: LA NORMATIVA

L’acqua potabile deve essere “chiara, inodore, insapore, incolore e innocua, cioè priva di microrganismi patogeni e di sostanze chimiche nocive per l’uomo” e di sicurezza in base al controllo dei parametri microbiologici, fisici e chimici (in Italia, DM n. 84 del 26 marzo 1991).

Le acque minerali naturali, come riportato nella normativa europea (Direttiva 2009/54/CE) sono “provenienti da una falda acquifera o bacino idrico sotterraneo, scaturiscono da una o più sorgenti naturali o sotterranee e presentano specifiche caratteristiche igieniche ed, eventualmente, proprietà salutari” (in Italia, D. Leg. N. 176 del 2011). Si differenziano dall’acqua potabile per la loro purezza e conservazione sorgiva, per il livello costante di minerali (oligoelementi o altri costituenti) e, se del caso, per specifici effetti che possono determinare.

La Food and Drug Administration (FDA, USA) regola l’acqua in bottiglia come alimento e identifica le acque minerali naturali come “acqua contenente non meno di 250 parti per milione (ppm) di Solidi Disciolti Totali (TDS), proveniente da una sorgente a uno o più fori o sorgenti, provenienti da una sorgente d’acqua sotterranea geologicamente e fisicamente protetta” (Codice di Regolamentazione Federale, Titolo 21, Parte 165 – Bevande).

acqua-caratteristiche

CARATTERISTICHE DELLE ACQUE MINERALI

Per “acqua minerale naturale” si intende un’acqua “microbiologicamente sana”, ma che garantisce l’assenza dei principali indicatori di contaminazione (parassiti e microrganismi patogeni, Escherichia coli e streptococchi fecali, anaerobi solfitoriduttori spori, pseudomonas aeruginosa) sia alla fonte che durante la sua commercializzazione.

Le caratteristiche di un’acqua minerale naturale vanno provate da diversi punti di vista:

  • geologico e idrologico, che richiede una descrizione dettagliata del bacino idrografico, considerando la natura del terreno, la stratigrafia dello strato idrogeologico e una descrizione delle operazioni di captazione
  • fisico, chimico e fisico-chimico, che implica una relazione sulle principali analisi fisico-chimiche per descrivere le caratteristiche finali dell’acqua minerale (es. portata della sorgente, temperatura alla sorgente, residuo secco a 180°, pH, anioni e cationi, oligoelementi, tossicità di alcuni elementi costitutivi)
  • microbiologico, garantendo l’assenza dei principali indicatori di contaminazione
  • possibili effetti farmacologici, fisiologici e clinici. Le ricerche cliniche dovrebbero essere condotte al fine di certificare gli effetti fisiologici ed i benefici sulla salute umana; dovrebbero essere studi scientifici, condotti a lungo termine e con metodologie diverse
acqua-potabile

CLASSIFICAZIONE

Secondo la Legislazione Europea (Direttiva 2009/54/CE), la caratterizzazione fisica e chimica viene utilizzata per effettuare una classificazione delle diverse acque minerali, basandosi sull’analisi dei principali parametri.

In base al contenuto di minerali, le acque sono state classificate in diversi modi: la classificazione di Marotta e Sica (1933) rappresenta in Italia il primo riferimento e prende in considerazione:

  • temperatura
  • residuo fisso
  • composizione chimica

Classificazione in base al Residuo fisso a 180°, cioè la quantità di sali minerali residui (in mg) dopo l’evaporazione di 1 L di acqua a 180°C.

Per legge, non ci sono limiti massimi o minimi per il contenuto di minerali nell’acqua minerale naturale; al posto dell’acqua potabile del rubinetto, rigorosamente regolamentati per quanto riguarda il residuo fisso a 180°C.

NON SOLO SALI MINERALI

Le acque minerali sono classificate anche da altri parametri fisici, come pH, temperatura e durezza.

Per quanto riguarda il pH, le acque minerali sono classificate come:

  • acque acide (pH<7)
  • acque alcaline (pH>7)

Per temperatura, le acque minerali possono essere:

  • fredde (< 20°C alla sorgente)
  • ipotermali (20–30°C alla sorgente)
  • mesotermiche (30–40°C alla sorgente)
  • ipertermali (> 40°C alla sorgente)

La durezza indica la presenza di metalli alcalino-terrosi e le acque minerali possono essere:

  • molto tenere (0-100 mg/L di CaCO3)
  • tenere (100-200 mg/L di CaCO3)
  • dure (200-300 mg/L di CaCO3)
  • molto dure (> 300 mg/L di CaCO3)

BIBLIOGRAFIA

  1. Albertini MC, Dachà M, Teodori L, Conti ME. Drinking mineral waters: biochemical effects and health implications – the state-of-the-art. Int J Environmental Health. 2007;1(1)
  2. DIRETTIVA 2009/54/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 18 giugno 2009 sullo sfruttamento e la commercializzazione delle acque minerali naturali
  3. Quattrini S, Pampaloni B, Brandi ML. Natural mineral waters: chemical characteristics and health effects. Clin Cases Miner Bone Metab. 2016 Sep-Dec; 13(3): 173–180

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

Adesso che sai come fare, continua a seguirci. Ricevi ogni sabato mattina nuove informazioni per la tua salute.

CONDIVIDI

Pensa alle persone che conosci, gli amici, la tua famiglia. Dai loro l’opportunità di stare bene, in salute. Condividi sui social quello che hai appena letto. Più condividi, più te ne saranno grati.

Lascia un commento

Devi loggarti per inserire un commento.