Pan lavato dei beccamorti

pan lavato dei beccamorti

Consulenza scientifica

Barbara Paolini

Barbara Paolini

Medico Dietologo dell’UO di Dietetica e Nutrizione Clinica presso l’Azienda ospedaliero-universitaria Senese. Professore all'Università di Siena. Presidente Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica, sezione Toscana (ADI).

L’esperta: piatto completo adatto ai mesi invernali

“Il pan lavato dei beccamorti è un piatto completo e unico. Ricchissimo di fibra. Ottimo l’apporto di potassio, fosforo e magnesio importanti per contrastare la stanchezza.” Indica la dottoressa Barbara Paolini, che aggiunge: “Buona fonte anche di iodio, importante per il buon funzionamento della tiroide. I grassi sono quasi completamente insaturi “buoni”. È ricco di vitamina K importante per la coagulazione e per la salute delle ossa. Il buon apporto di biotina aiuta nella regolazione metabolica e il discreto contenuto di vitamine A e C con azione antiossidante e antiinfiammatoria lo rendono un piatto adatto ai mesi invernali.”

Immagine gratuita di agricoltura, broccoli, cavolfiore

Pan lavato dei beccamorti: la ricetta

Difficoltà:facile
Preparazione:15 minuti
Cottura:30 minuti
Dosi per:4 persone
Costo:basso

Ingredienti

cavolfiore: 1,5 Kg
pane toscano raffermo: 300 g
parmigiano reggiano:40 g
sale:q.b.
olio EVO: 40 g
pepe: q.b.

Preparazione:

  • mondato il cavolo dal torsolo e dalle foglie esterne, fate bollire il fiore tagliato a pezzi e le foglie più tenere per una mezz’ora
  • scolateli ben bene, conservando l’acqua di cottura
  • abbrustolite le fette di pane, sistemandole a strati in una terrina profonda, bagnatele con poca acqua di cottura e alternatele a pezzetti di fiore e alle foglie di cavolo bollite. Ogni strato andrà condito con olio, sale, pepe e parmigiano; è facoltativo l’uso dell’aceto
  • servite subito rifinendo il piatto con un filo d’olio extravergine d’oliva

Pan lavato dei beccamorti: valori nutrizionali (a porzione)

Calorie Kcal487
Proteine g23
Carboidrati g68
Lipidi g15
Fibra solubile g12
Ac. grassi insaturi g10,6
Potassio mg1475
Fosforo mg425
Magnesio mg109
Iodio mcg105
Vit. K mcg666
Vit. A mcg228
Ac. folico mcg223
Vit. C mg221
Vit. B 8 (biotina) mcg75

Pan lavato dei beccamorti: antico piatto di Montalcino

È questo un classico piatto invernale “povero“. Il nome della ricetta di questa zuppa si deve ad un fatto storico. Dovete sapere che gli abitanti di Montalcino, la bella cittadina Toscana della Val d’Orcia, portano il soprannome di “beccamorti” fin dal 1260, quando giunsero così in ritardo alla battaglia fra ghibellini senesi e guelfi fiorentini da venir puniti dai vincitori, che li utilizzarono poi per seppellire i morti.

Questa tipica minestra dal nome così inquietante e moltalcinese, è una sorta di “ribollita” col cavolfiore al posto del più classico cavolo nero. È ottima per combattere il freddo inverno della zona; richiede soltanto uno stomaco preparato alla scarsa digeribilità del cavolfiore e naturalmente ci vuole il pane scioccotoscano senza sale.

BIBLIOGRAFIA

  1. B. Paolini, G. Fatati A tavola nel Granducato di Toscana Ed. Pacini

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

Adesso che sai come fare, continua a seguirci. Ricevi ogni sabato mattina nuove informazioni per la tua salute.

CONDIVIDI

Pensa alle persone che conosci, gli amici, la tua famiglia. Dai loro l’opportunità di stare bene, in salute. Condividi sui social quello che hai appena letto. Più condividi, più te ne saranno grati.

Lascia un commento

Devi loggarti per inserire un commento.