LA QUINOA: SENZA GLUTINE, ADATTA AI CELIACHI

La quinoa è un alimento versatile e ricco di proprietà nutrizionali. I suoi benefici per il nostro organismo sono molteplici: abbassa il colesterolo, favorisce il transito intestinale, aiuta a combattere il diabete. Oltre ad essere indicata nelle diete di chi soffre di celiachia. Scopri la quinoa con l’aiuto dei medici di Cibum dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Senese. E conosci come può aiutare la tua salute ogni giorno.

quinoa-cibum

Consulenza scientifica

Katia Gennai

Katia Gennai

Dietista. Ha conseguito il Diploma di Tecnico in Dietologia e Dietetica Applicata nel 1994; laurea triennale in dietistica nel 2004. Lavora presso l’UOSA di Dietetica e Nutrizione Clinica dell’AOU Senese. Docente nel corso di laurea in Dietistica.

LA QUINOA: COS’È

Originaria del sud America, la quinoa ha foglie che possono essere cucinate e consumate in maniera simile a quelle degli spinaci o delle barbabietole. Per il suo aspetto, è spesso confusa per un cereale, ma in realtà non lo è. La quinoa appartiene è una pianta erbacea della famiglia delle Chenopodiaceae ed i suoi semi hanno molte importanti proprietà: alte concentrazioni di amido, proteine, fibre, sali minerali e vitamine.

Diversamente dai cereali, la quinoa è totalmente priva di glutine ed è dunque indicata nelle diete di persone che soffrono di celiachia.

In cucina è spesso usata in sostituzione di pasta o riso, accompagnata con piatti a base di verdure e legumi. È ampiamente consumata da chi adotta una alimentazione vegetariana o vegana per le importanti proprietà nutritive che racchiude.

LA QUINOA: PROPRIETÀ E BENEFICI  

La quinoa è composta per il 60% circa da carboidrati complessi ed ha un basso indice glicemico. Contiene una buona quota di proteine, circa il 14%, di elevato valore biologico, perchè ricche aminoacidi essenziali. Questi devono essere assunti attraverso l’alimentazione in quanto si tratta di   aminoacidi che il nostro organismo non è in grado di produrre autonomamente.

Nella quinoa, i grassi rappresentano circa il 6%. Sono per lo più composti da acidi grassi polinsaturi soprattutto acido oleico e acido linoleico, quest’ultimo appartenente alla serie omega 6. Entrambi sono importanti nutrienti con un effetto protettivo contro le malattie cardiovascolari grazie alla loro capacità di ridurre i livelli di colesterolo.  

Ricca di fibre alimentari, la quinoa apporta un effetto positivo per abbassare il colesterolo e all’apparato digerente in quanto migliora il transito intestinale. Inoltre aiuta a tenere sotto controllo il diabete di tipo II, poiché contribuisce a mantenere basso l’indice glicemico.

Non mancano una buona dose di minerali come potassio, magnesio, calcio, ferro, fosforo, zinco. E importanti vitamine: la vitamina B2 e la vitamina E. Quest’ultima, la più abbondante, le conferisce proprietà antiossidanti ed antinfiammatorie. È inoltre particolarmente ricca di carotenoidi, flavonoidi e composti fenolici, anch’essi antiossidanti con ruolo protettivo non solo sulle cellule dell’endotelio dei vasi sanguigni, ma anche verso altri distretti del nostro organismo, proteggendolo così dall’invecchiamento cellulare.

L’ESPERTA: LA QUINOA, ADATTA IN OGNI MOMENTO DELLA GIORNATA

“Grazie alle ricche proprietà nutrizionali, la quinoa è adatta ad essere consumata durante qualsiasi pasto della giornata, a partire già dalla colazione, mescolata con yogurt e frutta fresca a pezzi, a pranzo o a cena con verdure o legumi, oppure come ingrediente chiave e sfizioso di dolci e biscotti.” Afferma la dottoressa Katia Gennai. Che prescrive: “Attenzione però ai suoi semi che sono rivestiti di saponine, sostanze che possono avere un’azione irritante sulle mucose e sulle membrane. Tuttavia però va ricordato che le saponine hanno anche un’azione antimicrobica e antifungina. È consigliato di risciacquare i semi di quinoa con abbondante acqua fredda prima della cottura o di lasciarli in ammollo alcune ore.”

LA QUINOA: VALORI NUTRIZIONALI

BIBLIOGRAFIA

  1. U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. 2011. USDA National Nutrient Database for Standard Reference, Release 24
  2. Tabelle di composizione degli alimenti INRAN 2019

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

Adesso che sai come fare, continua a seguirci. Ricevi ogni sabato mattina nuove informazioni per la tua salute.

CONDIVIDI

Pensa alle persone che conosci, gli amici, la tua famiglia. Dai loro l’opportunità di stare bene, in salute. Condividi sui social quello che hai appena letto. Più condividi, più te ne saranno grati.

Lascia un commento

Devi loggarti per inserire un commento.