IL MICROBIOTA INTESTINALE CAMBIA LA TUA SALUTE

Il microbiota influenza la tua salute fisica e mentale. È responsabile di molte malattie “moderne”, dall’obesità alla depressione. Una dieta sana ed equilibrata e corretti stili di vita favoriscono l’equilibrio del microbiota e la tua salute. Scopri insieme ai medici di Cibum dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Senese proprietà e funzioni del microbiota.

microbiota-intestinale-salute

Consulenza scientifica

Massimo Vincenzi

Massimo Vincenzi

Medico specialista in Medicina Interna, Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva, Scienza dell'Alimentazione e Medicina dello Sport. Responsabile del servizio di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva della San Pier Damiano Hospital, Faenza (Ravenna). Vicesegretario Nazionale dell'Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica. Coordinatore dei Gruppi di Studio e dell'Area Web dell’Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica ADI. Membro dell'American Gastroenterological Association (AGA) e Fellows ship dell'American Gastroenterological Association (AGAF). Componente dell’Editorial Committee del Mediterranean Journal of Nutrition and Metabolism.

IL MICROBIOTA: COS’È?

Con il termine di microbiota si intende la comunità microbica del tratto gastroenterico, costituita prevalentemente da batteri, oltre a lieviti, parassiti e virus. Il tratto gastrointestinale umano corrisponde in media da 5 a 6 volte l’altezza della persona: se facciamo una media, quindi, per un uomo alto circa 180cm  dobbiamo presumere una lunghezza del tratto intestinale di quasi 10m.

Se invece di lunghezza parliamo di superficie, l’area intestinale è stata stimata essere circa di 300-400m2. Qualcuno poi ha provato anche a pesare il microbiota: mettendo tutti insieme i batteri che colonizzano il tratto gastrointestinale otterremmo una massa compatta di circa 1-1.5kg!

I PROTAGONISTI DEL MICROBIOTA

Il microbiota è stato stimato che è composto da oltre 700 specie differenti di microorganismi, i più numerosi dei quali sono batteri, ma anche in misura inferiore miceti e virus.  Tutti questi microrganismi vivono nel nostro apparato digerente, per una quantità totale di cellule batteriche superiore a quella che compone l’organismo umano.

Quando queste comunità vivono in equilibrio vi è una condizione definita di eubiosi. A livello di phyla sono quattro le comunità principali: Firmicutes, Bacteroides, Proteobacteria e Actinobacteria.

Firmicutes e Bacteroides rappresentano circa il 90% e molto spesso, negli ultimi anni, la ricerca ha dimostrato come il variare del rapporto tra queste componenti faciliti e promuova uno stato di disbiosi che può essere correlata a malattie non soltanto dell’apparato digerente.

Composizione del microbiota intestinale

L’ESPERTO: IL MICROBIOTA È UN ELEMENTO DINAMICO

“È innanzitutto necessario sottolineare che la composizione del microbiota intestinale è legata all’età: l’organismo cerca da sé di mantenere un equilibrio, soprattutto nella fase centrale della vita.” Afferma il Dottor Massimo Vincenzi, che indica: “Nei primi due anni e nella prima infanzia, questo equilibrio è molto più instabile e viene addirittura ad essere molto labile negli anziani, nei quali assistiamo a variazioni significative del microbiota in senso proinfiammatorio.” 

An external file that holds a picture, illustration, etc.
Object name is nihms777222f2.jpg

MICROBIOTA INTESTINALE: INFLUENZA DI DIETA E FARMACI

Il microbiota subisce variazioni soprattutto in base all’alimentazione, ad esempio quando si utilizza una dieta povera in fibre e ad alto contenuto di grassi e agli stili di vita sbagliati (non fare attività fisica, fumo, abuso di alcool, ecc.).

Inoltre, fra gli elementi che contribuiscono a modificare l’equilibrio e la composizione del microbiota bisogna annoverare anche le componenti farmacologiche. Infatti, larga parte della popolazione assume farmaci in modo cronico e questo contribuisce a variare profondamente il microbiota. La letteratura scientifica indica che l’uso, ad esempio, di inibitori di pompa protonica può creare una disbiosi subdola; al contrario gli antibiotici scatenano disbiosi acute con sintomi come diarrea, dolore addominale, meteorismo.

Il microbiota intestinale è quindi parte integrante del corpo umano. L’interazione tra l’ospite e il microbiota intestinale è un’area di crescente interesse negli ultimi dieci anni.  

LE PRINCIPALI FUNZIONI DEL MICROBIOTA

I recenti sviluppi nelle tecnologie di sequenziamento del genoma hanno consentito ai ricercatori di esplorare il microbiota e in particolare le sue funzioni in modo molto più dettagliato rispetto a prima. Il microbiota intestinale svolge alcune funzioni di base a livello immunologico, metabolico e anche neurologico del corpo umano. Il microbiota intestinale esercita quindi una influenza significativa sulla salute fisica e mentale di un individuo

Una comprensione approfondita del funzionamento del microbiota intestinale ha portato a sviluppi molto interessanti nelle terapie, come prebiotici, probiotici, farmaci e trapianto fecale che possono condurre a un miglioramento delle strategie terapeutiche e creare una nuova era nella salute umana.

MICROBIOTA E PATOLOGIE

L’impoverimento del microbiota sarebbe alla base della recente diffusione di patologie tipiche della società contemporanea, come il cancro del colon, le malattie autoimmuni, ma anche dell’obesità, delle patologie depressive e dei disturbi d’ansia.

Sarebbe l’infiammazione cronica causata soprattutto dalla dieta errata con il conseguente assottigliamento del muco intestinale a scatenare le patologie “occidentali”, una dieta più frugale, al contrario, stimolerebbe i batteri a produrre composti chimici utili all’organismo, come gli acidi grassi a catena corta (SCFA) capaci di proteggerci grazie al loro potere antinfiammatorio contro alcune malattie come ad esempio il morbo di Chron.

PROSPETTIVE FUTURE

La comprensione del microbiota intestinale e delle sue attività è essenziale per la generazione di future strategie sanitarie personalizzate. A questo proposito, vi è un crescente numero di dati a sostegno del potenziale utilizzo di ceppi batterici selezionati nella prevenzione e nel trattamento di varie malattie umane e animali.

BIBLIOGRAFIA

  1. Chang C., Lin H. Dysbiosis in gastrointestinal disorders.  Best Pract. Res. Clin. Gastroenterol. 2016; 30, 3–15 
  2. Claesson MJ, et al. Gut microbiota composition correlates with diet and health in the elderly. Nature. 2012;  488, 178
  3. Hooper LV, Littman DR, Macpherson AJ. Interactions between the microbiota and the immune system. Science. 2012; 336, 1268–1273
  4. Lin L. and Zhang J. Role of intestinal microbiota and metabolites on gut homeostasis and human diseases. BMC Immunol. 2017; 18 
  5. Neish AS. Microbes in gastrointestinal health and disease. Gastroenterology. 2009; 136, 65–80
  6. Rodriguez JM, et al. The composition of the gut microbiota throughout life, with an emphasis on early life. Microb. Ecol. Health Dis. 2015; 26, 26050

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

Adesso che sai come fare, continua a seguirci. Ricevi ogni sabato mattina nuove informazioni per la tua salute.

CONDIVIDI

Pensa alle persone che conosci, gli amici, la tua famiglia. Dai loro l’opportunità di stare bene, in salute. Condividi sui social quello che hai appena letto. Più condividi, più te ne saranno grati.

Lascia un commento

Devi loggarti per inserire un commento.