IL CINGHIALE: CARNE MAGRA E RICCA DI FERRO

Il cinghiale, una carne dal caratteristico gusto selvatico, che allieta la tavola degli italiani. Oltre ad essere buono, è un alimento magro, con pochissimi grassi e ricco di minerali, come ferro e potassio, utili per la salute. Scopri di più con i medici di Cibum dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese

cucinare-il-cinghiale

Consulenza scientifica

Camilla Baldoni

Dottore in Dietistica. Ha conseguito la laurea triennale in dietistica nel 2014 presso l'Università degli Studi di Siena. Ha maturato esperienza nella ristorazione collettiva e si occupa con particolare attenzione della nutrizione in età pediatrica.

IL CINGHIALE

Con il termine “cinghiale” si fa riferimento a una famiglia di mammiferi suini che include quattro specie e diverse sottospecie. Di queste, la più nota e ricercata per la sua carne è il cinghiale comune (nome scientifico Sus scrofa), molto diffuso in Italia. E proprio qui si trovano inoltre anche il cinghiale maremmano (Sus scrofa majori) e il cinghiale sardo-corso (Sus scrofa meridionalis).

CARNE DI CINGHIALE: PROPRIETÀ

La carne di cinghiale apporta circa 122 kcal per 100 grammi di prodotto così suddivise:

  • 3,3 g di grassi
  • 21,5 g di proteine
  • 72 g di acqua

Contiene, inoltre, colesterolo, sodio, ferro, calcio, fosforo, magnesio, potassio e una buona quantità di Niacina (vitamina B3 o vitamina PP).

cinghiale

CINGHIALE : VALORI NUTRIZIONALI

CARNE DI CINGHIALE: BENEFICI

Il cinghiale fa parte del gruppo della cosiddetta “selvaggina da pelo” (così come lepre, capriolo, camoscio e cervo) e la sua carne è classificata come “carne nera“. Si differenzia dalle carni bianche e da quelle rosse per la sua consistenza piuttosto dura per un gusto selvatico molto accentuato.

Essendo fibrosa e più magra rispetto a quella di maiale, è più adatta alle cotture prolungate, come gli umidi, i sughi e gli stufati, ma sono ottimi anche i salumi e gli insaccati tradizionali.

La carne del cinghiale dal punto di vista nutrizionale è poco calorica e piuttosto magra. È una buona fonte proteica, generalmente priva di controindicazioni se gli animali hanno vissuto e si sono alimentati in condizioni ottimali.

La quantità di grassi è piuttosto bassa, mentre il contenuto di minerali risulta notevole: è da mettere in evidenza il contenuto di:

  • ferro (3,4 mg/100g), indispensabile per il trasporto dell’ossigeno a tutti gli organi e tessuti dell’organismo
  • potassio (318 mg/100g), importante per il corretto funzionamento dei muscoli e del cuore e per la trasmissione degli impulsi nervosi.

Tra le vitamine troviamo un buon contenuto di Vitamina B3 (4 mg/100g), il cui fabbisogno giornaliero negli adulti è di circa 14 mg per le donne e 18 mg per gli uomini. Il suo ruolo:

  • è fondamentale in relazione al funzionamento del sistema nervoso
  • favorisce la circolazione sanguigna
  • funge da protettivo per la pelle
  • è utilissima nel processo di digestione degli alimenti
pappardelle_sugo_cinghiale

L’ESPERTA: UNA CARNE PER TUTTI

“A oggi non sono note controindicazioni al consumo di carne di cinghiale, a meno che non si soffra di allergia a questo alimento”. Indica il dottoressa Camilla Baldoni, che prescrive: “In presenza di particolari stati patologici come uricemia e ipercolesterolemia è comunque opportuno limitare il più possibile il consumo di tutti i tipi di carne”.

CINGHIALE: CLASSIFICAZIONE PER ETÀ

La carne di cinghiale si può distinguere in quattro tipi corrispondenti all’età dell’animale:

  • Cinghialetto: da tre a sei mesi; chiamato dai francesi “marcassin”, ne vengono apprezzati soprattutto il carrè, le costolette ed i cosciotti per preparazioni di carne arrosto o alla griglia.
  • Cinghiale giovane: da sei mesi ad un anno; dal pelo fulvo, la cui carne è ancora tenera e il sapore poco accentuato. Di questo tipo il carrè e le costolette sono indicate per preparazioni al forno o alla brace mentre le altre parti è preferibile cucinarle in umido.
  • Cinghiale maturo: da uno a due anni; la sua carne è eccellente con un gusto però molto spiccato.
  • Cinghiale adulto: oltre i due anni; il pelame volge rapidamente al nero, la carne è sempre più dura e di sapore decisamente marcato.
Cinghiale in umido

BIBLIOGRAFIA

  1. U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. 2011
  2. USDA National Nutrient Database for Standard Reference, Release 24
  3. https://www.alimentipedia.it

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

Adesso che sai come fare, continua a seguirci. Ricevi ogni sabato mattina nuove informazioni per la tua salute.

CONDIVIDI

Pensa alle persone che conosci, gli amici, la tua famiglia. Dai loro l’opportunità di stare bene, in salute. Condividi sui social quello che hai appena letto. Più condividi, più te ne saranno grati.

Lascia un commento

Devi loggarti per inserire un commento.