CIBI ULTRA-LAVORATI: UN ALTO RISCHIO PER LA TUA SALUTE

Cibi freschi, cibi di stagione, cibi a chilometro zero. Buone abitudini alimentari che promuovono uno stile di vita sano. Ma purtroppo sulle nostre tavole sono presenti anche cibi industriali ultra-lavorati che aumentano il rischio di patologie come l’obesità e il diabete. Sembrano innocui, ma dietro ad una pubblicità accattivante, si nascondono alimenti potenzialmente molto pericolosi per la salute, soprattutto quella dei bambini. Scopri come e perché con i medici di Cibum dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese

cibi-ultra-lavorati

Consulenza scientifica

Barbara Paolini

Medico dietologo e direttore dell’UO di Dietetica e Nutrizione Clinica presso l’Azienda ospedaliero-universitaria Senese. Professore all'Università di Siena. Presidente Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica, sezione Toscana (ADI).

LE LINEE GUIDA

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) raccomandano da oltre 20 anni che i governi elaborino guide alimentari.  Le linee guida dovrebbero, in definitiva, consigliare e incoraggiare le persone ad adottare stili di vita più sani e fare scelte alimentari migliori. 

Pertanto, le guide alimentari sono una tecnologia sanitaria essenziale per migliorare gli standard alimentari e nutrizionali e promuovere la salute delle popolazioni.

La Guida alimentare per la popolazione brasiliana, una delle più avanzate, utilizza la classificazione NOVA come parametro, che organizza gli alimenti in base allo scopo e all’entità della lavorazione, e non in base al tipo di nutriente predominante nell’alimento. 

Nella classificazione NOVA, gli alimenti sono classificati in quattro gruppi:

  • freschi e minimamente trasformati
  • ingredienti culinari
  • trasformati
  • ultra-lavorati
cibi-ultra-lavorati-salute

ALIMENTI ULTRA-LAVORATI: EVITARE!!!

Gli alimenti ultra-lavorati (UPF) dovrebbero essere evitati; sono formulazioni industriali comprendenti per lo più sostanze estratte dagli alimenti (oli, grassi, zucchero, amido, proteine), derivate da costituenti alimentari (grassi idrogenati, amido modificato), o sintetizzate in laboratorio (coloranti, aromi ed esaltatori di sapidità). 

I cibi ultra-lavorati hanno più di cinque ingredienti sulla loro etichettatura; sono iperappetibili, facili da preparare e hanno una durata di conservazione più lunga. Inoltre, danneggiano l’ambiente a causa della grande quantità di imballaggi che contengono questo tipo di cibo. 

BAMBINI: LE PRIME VITTIME

Questi prodotti sono commercializzati in modo aggressivo dall’industria alimentare per promuoverne l’acquisto e modellare le preferenze alimentari dei bambini che sono i principali consumatori di UPF.

Nell’ambito dell’importanza dei primi mille giorni di vita nella proiezione sanitaria dell’individuo, nel 2019 il Ministero della Salute ha lanciato la Guida Alimentare per i bambini di età inferiore ai due anni, che sottolinea l’importanza dell’allattamento al seno esclusivo fino a due anni e integrato da una dieta sana, opportuna e reattiva fino a due anni di età o più. 

Uno studio di Coorte che ha coinvolto 9025 bambini britannici ha descritto che le traiettorie dell’indice di massa corporea, dell’indice di massa grassa, del peso e della circonferenza addominale dai 7 ai 24 anni hanno mostrato un aumento maggiore nei bambini che hanno consumato il quintile più alto di UPF rispetto a quelli che consumato il quintile di consumo più basso. 

cibi-industriali-obesità

I RISCHI PER LA SALUTE

L’aumento del consumo di UPF, anche nei paesi a basso e medio reddito, ha portato a un parallelo aumento della prevalenza dell’obesità in tutto il mondo, suggerendo che un consumo eccessivo potrebbe essere un fattore chiave dell’epidemia di obesità e di altri fattori cronici non correlati alla dieta.

I risultati sottolineano l’importanza di solide misure di salute pubblica che promuovano il consumo di alimenti freschi e minimamente trasformati e scoraggiano il consumo di UPF tra i bambini. 

Sfortunatamente, la pubblicità UPF va nella direzione opposta rispetto alle Guide. Gli autori devono progredire nella regolamentazione degli UPF e nell’educazione alimentare per amplificare l’effettiva attuazione delle proposte delle “Guide”. Un’alimentazione sana coinvolge questioni molto più grandi, in quanto è anche correlata alla sostenibilità, alla catena di produzione alimentare, agli alimenti regionali e alle questioni economiche, tra gli altri.

BIBLIOGRAFIA

  1. Oselka R, Sarni S et al. Childhood obesity: an ecological perspective. J Pediatr (Rio J). 2022 Mar-Apr; 98(Suppl 1): S38–S46
  2. Brasil. Ministério da Saúde. Secretaria de Atenção à Saúde. Departamento de Atenção Básica . 2. ed. Departamento de Atenção Básica; 2014. Guia alimentar para a população brasileira /Ministério da Saúde, Secretaria de Atenção à Saúde. –1. reimpr. – Brasília: Ministério da Saúde
  3. Onita BM, et al. Eating context and its association with ultra-processed food consumption by British children. Appetite.2021;157
  4. . Neri D, et al. Consumption of ultra-processed foods and its association with added sugar content in the diets of US children, NHANES 2009-2014. Pediatr Obes.2019;14:e12563
  5. Brasil. Ministério da Saúde . Secretaria de Atenção Primaria à Saúde, Departamento de Promoção da Saúde. – Brasília: Ministério da Saúde; 2019. Secretaria de Atenção Primaria à Saúde. Departamento de Promoção da Saúde. Guia alimentar para crianças brasileiras menores de 2 anos /Ministério da Saúde

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

Adesso che sai come fare, continua a seguirci. Ricevi ogni sabato mattina nuove informazioni per la tua salute.

CONDIVIDI

Pensa alle persone che conosci, gli amici, la tua famiglia. Dai loro l’opportunità di stare bene, in salute. Condividi sui social quello che hai appena letto. Più condividi, più te ne saranno grati.

Lascia un commento

Devi loggarti per inserire un commento.