GIORNATA MONDIALE DELLA SALUTE DIGESTIVA

29 maggio: Giornata Mondiale della Salute Digestiva. Nel mondo, i numeri legati alle malattie digestive croniche (e non), si aggravano ogni anno. Basti pensare che, in Europa, i tumori dell’apparato digerente rappresentano la prima causa di morte per tumore. Scopri di più con i medici di Cibum dell’Azienda ospedaliera-universitaria Senese

tumore-colon-retto

Consulenza scientifica

Massimo Vincenzi

Medico specialista in Medicina Interna, Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva, Scienza dell'Alimentazione e Medicina dello Sport. Responsabile del servizio di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva della San Pier Damiano Hospital, Faenza (Ravenna). Vicesegretario Nazionale dell'Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica. Coordinatore dei Gruppi di Studio e dell'Area Web dell’Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica ADI. Membro dell'American Gastroenterological Association (AGA) e Fellows ship dell'American Gastroenterological Association (AGAF). Componente dell’Editorial Committee del Mediterranean Journal of Nutrition and Metabolism.

TUMORE DEL COLON-RETTO

Anche quest’anno, il 29 maggio, la WGO (World Gastroenterology Organisation) celebra la Giornata Mondiale della Salute Digestiva. Istituita nel 1975, questa giornata rappresenta un’occasione per condividere notizie e informazioni preziose per la salute del nostro apparato digerente.

Questo evento è supportato da diverse associazioni scientifiche come la UEG (United European Gastroenterology) di cui fa parte anche la SIGE (Società Italiana di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva) e l’AIGO (Associazione Italiana Gastroenterologi e Endoscopisti Digestivi Ospedalieri).

Il tema scelto dalla WGO per quest’anno è il tumore del colon-retto, la seconda causa di morte per tumore nel mondo. In Europa, è il terzo tipo di tumore più diagnosticato tra gli uomini, dopo il tumore alla prostata e ai polmoni. Nelle donne invece, si tratta del secondo più diagnosticato dopo il tumore alla mammella.

Un articolo sul sito istituzionale del Ministero della Salute Italiano, segnala come l’Italia segua il trend europeo nell’incidenza del tumore del colon-retto sia nelle donne che negli uomini. Nel 2020, le nuove diagnosi di questo tipo di tumore nel nostro paese sono state 43.700, mentre nel 2021 sono stati stimati 21.700 decessi, 11.500 uomini e 10.200 donne. Il tasso di sopravvivenza a cinque anni dalla diagnosi, in Italia raggiunge il 65,3% negli uomini e il 66,3% nelle donne.

tumore-colon-retto-terapia

LA PREVENZIONE E ALIMENTAZIONE

Una delle principali parole d’ordine per combattere i tumori dell’apparato digerente e il tumore del colon-retto è prevenzione, che spesso parte dalla nostra alimentazione. Una tematica sempre attuale, come evidenzia il dettagliato report della UEG dedicato intitolato “Nutrition and Chronic Digestive Diseases: An Action Plan for Europe”. 

Uno dei problemi di salute che, in un futuro prossimo, diventerà un serio problema per i sistemi sanitari di tutta Europa è l’incremento degli adulti e dei bambini sovrappeso e obesi. Obesità che nella maggioranza dei casi è dovuta a stili di vita inadeguati. Una condizione che non solo crea disturbi all’apparato cardiovascolare, ma anche patologie dell’apparato digerente come appunto il tumore del colon-retto o del pancreas o dell’esofago.

ALIMENTI ULTRA-PROCESSATI

Come segnala il report dell’UEG, una delle principali cause dell’aumento dell’obesità e delle malattie digestive croniche in Europa è la crescita del consumo di alimenti ultra-processati. Si tratta di tutti quei cibi che spesso sono sottoposti a diversi processi e modifiche prima di essere pronti per il consumo.

Durante questi processi, vengono aggiunti molti ingredienti (zuccheri, grassi saturi, sale, conservanti ed altre sostanze chimiche) che rendono questi alimenti molto più palatabili e duraturi ma, allo stesso tempo, molto meno salutari.

cibi-processati

MICROBIOTA

Un altro fattore sempre più importante da tenere in considerazione nella prevenzione delle malattie del nostro apparato digerente è la salute del microbiota. Il microbiota umano è quell’insieme di miliardi di organismi tra funghi, protozoi, batteri e virus che vivono in simbiosi con noi, all’interno del nostro corpo, e la maggior parte si trova proprio nell’intestino. Un microbiota sano, in un cosiddetto stato di eubiosi, è fondamentale per la nostra salute, perché ci protegge dalle infiammazioni intestinali e dall’insorgenza di tumori.

Numerosi studi hanno dimostrato la correlazione tra alcune composizioni di microbiota e la possibilità di sviluppare il tumore del colon-retto.

Di grande aiuto possono essere i test del microbioma, che analizzano il DNA del microbiota. Questi test possono servire per impostare terapie di precisione nelle varie condizioni cliniche in cui il microbiota risulti coinvolto.

microbiota-intestino

SCREENING

Oltre a ciò, con gli screening sulla popolazione si ha la possibilità di prevenire patologie a carico dell’apparato gastroenterico. Il microbiota per l’individuazione precoce del tumore del colon-retto ne è l’esempio più noto. Come per altre tipologie di tumore, essere tempestivi nell’individuazione è fondamentale per aumentare sensibilmente le possibilità di sopravvivenza. 

Per questo, uno degli obiettivi di questa Giornata Mondiale, è spostare il focus dal trattamento della malattia alla prevenzione. Il programma di prevenzione dei tumori del colon-retto coinvolge attualmente persone di età compresa tra i 50 e i 69 anni, con un esame da eseguire a cadenza biennale. Il test il più comunemente impiegato è il test per il sangue occulto nelle feci

La diagnosi è stata facilitata poi da presidi che ha hanno reso possibile una preparazione sempre più semplice per la colonscopia e l’impiego di tecnologie avanzate che permettono di valutare in modo sempre più efficace le lesioni e la loro asportabilità.

Accanto agli aspetti diagnostico-preventivi, grandi progressi si sono ottenuti anche in campo terapeutico con l’impiego di una chirurgia sempre più con caratteristiche mini-invasive, nonché della immunoterapia nel caso di tumori più avanzati.

BIBLIOGRAFIA

  1. Nutrition and Chronic Digestive Diseases: An Action Plan for Europe   UEG 2019
  2. I numeri del cancro in Italia 2020 AIRTUM, AIOM, SIAPEC-IAP
  3. Linee di indirizzo sui percorsi nutrizionali nei pazienti oncologici Ministero della Salute 2017

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

Adesso che sai come fare, continua a seguirci. Ricevi ogni sabato mattina nuove informazioni per la tua salute.

CONDIVIDI

Pensa alle persone che conosci, gli amici, la tua famiglia. Dai loro l’opportunità di stare bene, in salute. Condividi sui social quello che hai appena letto. Più condividi, più te ne saranno grati.

Lascia un commento

Devi loggarti per inserire un commento.