MALATTIE CARDIOVASCOLARI E DIETA: I PUNTEGGI DI RISCHIO

Le malattie cardiovascolari (CVD), comprese le malattie coronariche, le malattie cardiache, le aritmie e altri tipi di malattie vascolari, sono una delle principali cause di morte nel mondo. Si stima che circa la metà delle variabilità della CVD sembra essere attribuita alla genetica e l’altro 50% è attribuito a fattori acquisiti, compresa la dieta. Tuttavia anche una predisposizione genetica alle malattie cardiovascolari può essere annullata da uno stile di vita sano. Scopri come con i medici di Cibum dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese

malattie-cardiovascolari-dieta

Consulenza scientifica

Barbara Paolini

Medico dietologo e direttore dell’UO di Dietetica e Nutrizione Clinica presso l’Azienda ospedaliero-universitaria Senese. Professore all'Università di Siena. Presidente Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica, sezione Toscana (ADI).

I PUNTEGGI DI RISCHIO

Qualsiasi tipo di malattia cardiovascolare (CVD) è associato a molteplici fattori, definibili come fattori di rischio. Per ridurre la prevalenza di CVD e ictus, l’American Heart Association sta sostenendo il Life’s Simple 7 (LS7), che consiste in 7 comportamenti dello stile di vita modificabili, tra cui:

  • dieta
  • obesità
  • attività fisica
  • stato di fumo
  • pressione sanguigna
  • colesterolo
  • glicemia

Questo punteggio è utile perché è costituito da semplici variabili che possono essere ottenute in qualsiasi parte del mondo; pertanto, può essere applicabile a persone di tutte le etnie.

malattie-cardiovascolari

ACIDI GRASSI POLINSATURI OMEGA-3 (N-3 PUFA) E CVD

La dieta ha un grande impatto sulla nostra funzione fisica e sul metabolismo del corpo. Tra i numerosi nutrienti, molta attenzione è stata dedicata agli acidi grassi polinsaturi omega-3 (n-3 PUFA) che si trovano nell’olio di pesce.

Questi svolgono ruoli importanti in varie funzioni cellulari, tra cui la segnalazione, la fluidità della membrana cellulare e il mantenimento strutturale. Regolano anche i processi infiammatori che portano allo sviluppo di CVD.

L’effetto benefico di n-3 PUFA è stato attribuito all’abbassamento dei livelli sierici di trigliceridi; tuttavia, sembrano esserci altri effetti “pleiotropici“. n-3 PUFA contribuisce non solo alla riduzione dei livelli sierici di trigliceridi, ma anche alla modifica dei classici fattori di rischio cardiovascolare, come l’ipertensione.

Una recente metanalisi ha concluso che 20 g di assunzione di pesce o 80 mg di assunzione di n-3 PUFA al giorno erano associati a una riduzione del 4% della mortalità correlata a CVD. Questo suggerisce chiaramente che l’effetto cardioprotettivo dell’assunzione di pesce sembra essere principalmente attribuito a n-3 PUFA.

L’assunzione di acidi grassi trans (TFA) è stata associata a dislipidemia, diabete di tipo 2, CVD e mortalità per tutte le cause. Pertanto, le linee guida dietetiche raccomandano il non consumo di TFA.

malattie-cardiovascolari-stile-vita

ASSUNZIONE DI SALE E CVD

Sappiamo che una maggiore assunzione di sale è associata a un rischio maggiore di ipertensione e una riduzione dell’assunzione di sale può proteggere dallo sviluppo dell’ipertensione.

Tuttavia, ci sono anche diversi importanti fattori di sensibilità associati all’assunzione di sale e allo sviluppo dell’ipertensione, inclusi fattori genetici e fattori acquisiti, come abitudini alimentari diverse dall’assunzione di sale.

Anche un eccessivo consumo di fruttosio e sale, soprattutto durante l’adolescenza, predispone all’ipertensione, attraverso irrigidimento vascolare e alla disfunzione diastolica del ventricolo sinistro, entrambi altamente associati allo scompenso cardiaco.

MICROBIOTA INTESTINALE E CVD

Il microbiota intestinale è associato a una varietà di malattie, tra cui CVD. Sebbene siano influenzati anche da alcuni fattori genetici, il principale fattore che contribuisce al nostro microbiota dovrebbe essere la nostra dieta.

Le indagini hanno indicato che il microbiota intestinale è coinvolto nella patogenesi della CVD e può essere considerato come uno dei suoi fattori causali. Il microbiota intestinale sembra avere molteplici funzioni nell’uomo, tra cui la produzione di energia, il mantenimento dell’omeostasi intestinale, il miglioramento dell’assorbimento dei farmaci, le risposte immunitarie, la difesa dai patogeni e la produzione di prodotti microbici, come la vitamina K, l’ossido nitrico, la trimetilammina-N -ossido (TMAO) e lipopolisaccaridi.

In particolare la TMAO, un metabolita del microbiota intestinale, può avere prospettive interessanti su come questo particolare metabolita contribuisce allo sviluppo dell’insufficienza cardiaca.

BIBLIOGRAFIA

Bibliografia

  1. Hayato T. et al. The Effect of Diet on Cardiovascular Disease, Heart Disease, and Blood Vessels. Nutrients. 2022 Jan; 14(2): 246
  2. Cassels A. Move over war on transfats; make way for the war on salt.CMAJ. 2008 Jan 15;178(2):256
  3. Chapman E, et al. Triglyceride-rich lipoproteins and high-density lipoprotein cholesterol in patients at high risk of cardiovascular disease: evidence and guidance for management.European Atherosclerosis Society Consensus Panel. Eur Heart J. 2011 Jun;32(11):1345
  4. Virani SS, et al. Heart disease and stroke statistics-2021 update: A report from the American heart association. Circulation. 2021;143:e254–e743
  5. Tada H, et al. Personalized medicine for cardiovascular diseases. J. Hum. Genet. 2021;66:67–74
  6. Tada H, et al. Human genetics and its impact on cardiovascular disease. J. Cardiol. 2022;79:233–239

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

Adesso che sai come fare, continua a seguirci. Ricevi ogni sabato mattina nuove informazioni per la tua salute.

CONDIVIDI

Pensa alle persone che conosci, gli amici, la tua famiglia. Dai loro l’opportunità di stare bene, in salute. Condividi sui social quello che hai appena letto. Più condividi, più te ne saranno grati.

Lascia un commento

Devi loggarti per inserire un commento.