IL GRANO SARACENO, UTILE E BUONO ANCHE PER LA DIETA SENZA GLUTINE

Non è un cereale, ma un seme che appartiene alla famiglia della Poligonacee. E' ricco di sostanze antiossidanti utili al nostro organismo. Seppur senza glutine, è versatile e ha mille usi in cucina. Il grano saraceno è un ottimo alleato per una alimentazione sana e per il tuo benessere.

granosaraceno-cibum

Consulenza scientifica

Barbara Martinelli

Barbara Martinelli

Dottore in Dietistica. Ha conseguito la laurea triennale in dietistica nel 2014; laurea magistrale in Scienze dell’Alimentazione nel 2016. Lavora presso l’UOSA Dietetica e Nutrizione Clinica dell’AOU Senese. Relatore in numerosi congressi in ambito nutrizionale e docente nei corsi per il personale dell’AOU Senese.

IL GRANO SARACENO: L’ALLEATO PER UNA ALIMENTAZIONE PRIVA DI GLUTINE

Ti è stata consigliata una alimentazione priva di glutine. Come fare? Inizia con il seguire due semplici regole. La prima: evita i prodotti industriali come pasta, pane e prodotti da forno vari. La seconda: consuma cereali e farine naturalmente privi di glutine.

IL GRANO SARACENO: PRIVO DI GLUTINE, RICCO DI ANTIOSSIDANTI

Tra i prodotti naturalmente privi di glutine troviamo il Fagopyrum esculentum meglio noto come grano saraceno. E’ un seme che si presenta privo di glutine e ricco in molte altre sostanze con attività benefica quali: sali minerali (in particolare zinco, magnesio, selenio, potassio e rame), vitamine (B1, B2, B3, B5, B6, A, E), fibra, aminoacidi essenziali e sostanze dal potere antiossidante (flavonoidi). Erroneamente viene spesso considerato un cereale per le sue proprietà e per l’uso alimentare. Definito pseudocereale, insieme a quinoa e amaranto, non appartiene alla famiglia delle graminacee (da cui originano tutti i cereali) ma delle Poligonacee.

L’ESPERTA: IL GRANO SARACENO RICCO DI SOSTANZE BIOATTIVE UTILI AL NOSTRO ORGANISMO

“Il grano saraceno, grazie ai sui principi nutritivi, è un alimento che tutti possono consumare. Inoltre è particolarmente indicato nel caso sia necessario seguire una dieta priva di glutine”. Indica la dottoressa Barbara Martinelli, che afferma: “Le sue numerose proprietà benefiche sono conferite prevalentemente dalla presenza di sostanze bioattive quali rutina e quercetina. Questi flavonoidi svolgono una attività antiossidante per il nostro organismo. E rendono il grano saraceno adatto e utile per una sana alimentazione”.

IL GRANO SARACENO: DA SEMPRE STUDIATO DALLA SCIENZA PER LE SUE PROPRIETÀ

Ampiamente studiato dalla scienza per le sue molteplici attività benefiche, ecco le più rilevanti:

  • miglioramento del profilo lipidico con riduzione del colesterolo LDL “cattivo”;
  • attività antiossidante;
  • riduzione della pressione arteriosa;
  • miglioramento della tonicità dei vasi capillari e della microcircolazione in persone affette da insufficienza venosa cronica;
  • grazie al suo contenuto in D-chiro-inositolo, ricopre un ruolo positivo nel miglioramento del profilo glicemico e riduzione della resistenza insulinica. Queste attività si rendono particolarmente utili nei pazienti diabetici e nelle donne con sindrome dell’ovaio policistico;
  • la significativa presenza dei sali minerali e delle vitamine, conferiscono la capacità di ridurre stress e stanchezza cronica e di svolgere un’attività protettiva su occhi e cute;
  • attività antinfiammatoria;
  • attività neuroprotettiva;
Il grano saraceno non è un cereale. Senza glutine, è ricco di sostanze antiossidanti. Il grano saraceno è utile nella alimentazione sana e per il  benessere.

IL GRANO SARACENO: BUONO E VERSATILE IN CUCINA

In ambito culinario è possibile utilizzare il grano saraceno in vari modi. Puoi usarlo per le tue minestre e in forma di farina è utile per la preparazione della polenta come la taragna e la saracena, di crespelle, pasta come i pizzoccheri e le manfrigole della Valtellina, porridge. Sempre come farina puoi usarlo per impasti di dolci e biscotti. Inoltre, essendo una pianta mellifera, viene utilizzato anche per la produzione di miele.

IL GRANO SARACENO – VALORI NUTRIZIONALI E COMPOSIZIONE CHIMICA

GRANO SARACENO E ALLERGIE

Nonostante la moltitudine di effetti benefici presentati, il grano saraceno rappresenta un potente allergene in grado di indurre – in pazienti sensibilizzati – anche reazioni acute sino all’anafilassi. In letteratura troviamo descritta la sempre più diffusa presenza di reazioni allergiche, indotte dall’ingestione accidentale di grano saraceno presente in alimenti come allergene nascosto (es: impasto per pizza, prodotti ottenuti da miscele di farine, ecc.).

BIBLIOGRAFIA

  1. Iuorno MJ, Jakubowicz DJ, Reamer P, Gunn RD, Allan G. Ovulatory and metabolic effects of D-chiro-inositol in the polycystic ovary syndrome. N Eng J Med, vol. 340, n°6, 2002, pp. 417-23
  2. Heffler E, Nebiolo F, Asero R, et al. Clinical manifestations, co-sensitizations, and immunoblotting profiles of buckwheat-allergic patients. Allergy, agosto 2010, PMID 2080447
  3. Ju Q, Yanping L, Yanfen Y, Yuchang q, Zaiqui L. Dietary tartary buckwheat intake attenuates insulin resistance and improves lipid profiles in patients with type 2 diabetes: a randomized controlled trial. Nutrition Research, vol 36, n° 12, dicembre 2016, pp. 1392-1401
  4. Giménez-Bastida JA, Zielinski H. Buckwheat as a Functional Food and Its Effects on Health. J Agric Food Chem., settembre 2015, 16;63(36):7896-913
  5. Heffer E, Nebiolo F, Asero R, et al. Clinical manifestations, co-sensitizations and immunoblotting profiles of buckwheat-allergic patients. Allergy, agosto 2010, PMID 2080447

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

Adesso che sai come fare, continua a seguirci. Ricevi ogni sabato mattina nuove informazioni per la tua salute.

CONDIVIDI

Pensa alle persone che conosci, gli amici, la tua famiglia. Dai loro l’opportunità di stare bene, in salute. Condividi sui social quello che hai appena letto. Più condividi, più te ne saranno grati.

Lascia un commento

Devi loggarti per inserire un commento.