DIETA E TUMORI: LE LINEE GUIDA 2020

Tanta frutta e verdura, poca carne rossa e molta attività fisica. Sono alcune delle indicazioni contenute nell’aggiornamento 2020 delle linee guida dell’American Cancer Society (ACS). Punto di riferimento, anche in Italia, per una corretta strategia preventiva contro i tumori, la revisione proposta dall’ente statunitense mette in relazione le abitudini alimentari e l’attività motoria per indicare come una dieta sana e equilibrata e una corretta attività fisica possano ridurre significativamente il rischio di malattie tumorali. Ne abbiamo parlato con la Dottoressa Barbara Paolini.

cancro-cibum

Intervista (1° parte) a

Barbara Paolini

Barbara Paolini

Medico Dietologo dell’UO di Dietetica e Nutrizione Clinica presso l’Azienda ospedaliero-universitaria Senese. Professore all'Università di Siena. Presidente Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica, sezione Toscana (ADI).

Dottoressa Paolini, il tumore è ancora una patologia fortemente diffusa?

Il tumore è la seconda causa di morte in Italia, superata solo dalle malattie del sistema cardiocircolatorio, sia negli uomini che nelle donne. Oltre ad essere molto diffusi, i tumori hanno un “peso” sulla popolazione che va ben oltre la loro mortalità. Gli individui che sono affetti da una diagnosi tumorale sperimentano sofferenza fisica, angoscia e vedono ridursi la propria qualità della vita. Questo a causa sia dei sintomi correlati alla malattia che alle procedure diagnostiche, alle terapie antitumorali ed agli effetti avversi a lungo termine del trattamento. 

Quali sono le principali raccomandazioni dell’aggiornamento 2020 proposte dall’American Cancer Society (ACS)?

L’aggiornamento 2020 delle linee guida relative alla dieta e all’attività fisica dell’ACS forniscono un aggiornamento di quelle del 2012 e si basano in gran parte sulle revisioni delle linee guida del World Cancer Research Fund/American Institute for Cancer Research (WCRF/AICR). Sono principalmente tre le raccomandazioni proposte: 

  • Seguire un modello alimentare sano a tutte le età
  • Raggiungere e mantenere un peso corporeo sano per tutta la vita, evitando l’aumento di peso nell’età adulta
  • Essere fisicamente attivo

Entriamo nel dettaglio, cosa significa un “modello alimentare sano”?

Parlare di “modelli” alimentari significa rispettare alcune semplici regole. Nello specifico, è consigliato consumare:

  • alimenti ricchi di nutrienti (proteine, carboidrati, grassi, vitamine e sali minerali) in una quantità che permetta di raggiungere e mantenere un peso corporeo adeguato
  • verdure, in modo equilibrato e variegato così da assumerne tutti i nutrienti contenuti, senza incorrere in carenze. Un ottimo sistema è scegliere le verdure di stagione in base al loro colore come verdure verde scuro, rosse e arancioni. E variare spesso
  • legumi, ricchi di fibre
  • frutta, che come la verdura, va variata spesso assumendo frutti interi e di diversi colori
  • cereali integrali

Possiamo mangiare tutto o c’è qualcosa da evitare?

Quando indichiamo un modello alimentare sano, è raccomandabile limitare il consumo di:

  • carni rosse e processate
  • zucchero e bevande zuccherate
  • alimenti altamente processati e prodotti a base di cereali raffinati

Per quanto riguarda le bevande alcoliche, e soprattutto quelle super alcoliche, è preferibile evitare il loro consumo. Voglio però precisare che una corretta quantità di vino o di birra non riduce lo stato di salute degli individui. Per questo è raccomandato seguire le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che definisce un consumo a basso rischio le seguenti quantità:

  • 1 bicchiere di vino rosso da circa 120 ml al giorno per donne adulte ed anziani (< 10 g di alcol al giorno, 1 Unità Alcolica)
  • 2 bicchieri di vino rosso da circa 120 ml al giorno per uomini adulti (< 20 g di alcol al giorno, 1 Unità Alcolica).

Quale è la relazione tra dieta e rischio di sviluppare tumori?

La dieta è determinante del rischio di tumori, sia attraverso il bilancio energetico sia attraverso meccanismi biologici che alterano il rischio indipendentemente dal peso corporeo.  Stime recenti attribuiscono il 4,2% – 5,2% dei casi di cancro all’anno direttamente alla cattiva alimentazione

Quali sono i modelli dietetici che riducono i fattori di rischio del cancro?

Per dimostrare che alcuni modelli alimentari producono effetti positivi sulla salute e riducono il rischio di contrarre patologie tumorali, sono stati esaminati vari modelli dietetici. Quelli che hanno riportato un maggior effetto protettivo contro il cancro si confermano:

  • la dieta mediterranea
  • gli approcci dietetici per controllare l’ipertensione, costituiti da alimenti prevalentemente vegetali (tra cui verdure non lavorate, frutta intera, cereali integrali, legumi e noci / semi),  fonti proteiche sane (legumi e / o pesci e / o pollame, e meno ricchi di carni processate e carni rosse) e grassi insaturi (ad es. grassi monoinsaturi e / o polinsaturi)

Tali modelli sono anche più bassi in zuccheri aggiunti, grassi saturi e/o trans e calorie in eccesso. Queste caratteristiche sono state associate a un minor rischio di cancro del colon-retto e incidenza totale del cancro.

Questi modelli dietetici sani sono associati non solo a un miglioramento della salute, ma anche a un minore impatto ambientale, producendo una riduzione delle emissioni di gas serra, minor consumo di energia, terra e acqua rispetto alla dieta media occidentale.

Le diete ricche di vegetali, inoltre, sono associate a livelli più bassi di infiammazione, migliore risposta all’insulina e meno danni da stress ossidativo.  Le diete a base vegetale sono anche associate a concentrazioni più elevate di batteri intestinali benefici, rispetto alle diete a base prevalentemente animale ad alto contenuto di grassi saturi e zucchero.

Nell’aggiornamento delle linee guida, si indica che adottare un modello “alimentare sano” è una scelta collettiva. Cosa significa?

È fondamentale riconoscere che i fattori sociali, economici e culturali, nonché la politica, possono influenzare i comportamenti alimentari e dell’attività fisica di un individuo. Le scelte di adottare una corretta alimentazione e praticare attività fisica, seppur fatte dagli individui, possono essere facilitate o impedite dalla comunità e dagli ambienti in cui le persone vivono. Gli sforzi delle Istituzioni per promuovere l’accesso a cibi sani e luoghi con risorse per l’attività fisica sono indispensabili per raggiungere l’adesione individuale alle linee guida per la prevenzione dei tumori. Le organizzazioni pubbliche, private e comunitarie dovrebbero collaborare a livello nazionale, statale e locale per:

  • sviluppare, sostenere e attuare politiche e cambiamenti ambientali che aumentino l’accesso a cibi nutrienti e convenienti
  • fornire opportunità sicure, divertenti e accessibili per l’attività fisica
  • limitare l’alcol per tutti gli individui

BIBLIOGRAFIA

  1. American Cancer Society guideline for diet and physical activity for cancer prevention
  2. Siegel RL, Miller KD, Jemal A. Cancer statistics, 2018. CA Cancer J Clin. 2018; 68: 7‐30
  3. Islami F, Goding Sauer A, Miller KD, et al. Proportion and number of cancer cases and deaths attributable to potentially modifiable risk factors in the United States. CA Cancer J Clin. 2018; 68: 31‐54
  4. World Cancer Research Fund/American Institute for Cancer Research. Food, Nutrition, Physical Activity, and the Prevention of Cancer: A Global Perspective. American Institute for Cancer Research; 2007. Accessed July 21, 2019
  5. World Cancer Research Fund/American Institute for Cancer Research. Diet, Nutrition, Physical Activity and Cancer: A Global Perspective. Continuous Update Project. The Third Expert Report. American Institute for Cancer Research; 2018. Accessed July 21, 2019
  6. Kushi LH, Doyle C, McCullough M, et al. American Cancer Society Guidelines on nutrition and physical activity for cancer prevention: reducing the risk of cancer with healthy food choices and physical activity. CA Cancer J Clin. 2012; 62: 30‐67
  7. Mediterranean diet and invasive breast cancer risk among women at high cardiovascular risk in the PREDIMED trial: a randomized clinical trial. JAMA Intern Med. 2015; 175: 1752‐1760
  8. Mayne ST, Playdon MC, Rock CL. Diet, nutrition, and cancer: past, present and future. Nat Rev Clin Oncol. 2016; 13: 504‐515
  9. Fung TT, McCullough ML, Newby PK, et al. Diet‐quality scores and plasma concentrations of markers of inflammation and endothelial dysfunction. Am J Clin Nutr. 2005; 82: 163‐173
  10. Trichopoulou A, Costacou T, Bamia C, Trichopoulos D. Adherence to a Mediterranean diet and survival in a Greek population. N Engl J Med. 2003; 348: 2599‐2608
  11. Schwingshackl L, Hoffmann G. Adherence to Mediterranean diet and risk of cancer: an updated systematic review and meta‐analysis of observational studies. Cancer Med. 2015; 4: 1933‐1947

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

Adesso che sai come fare, continua a seguirci. Ricevi ogni sabato mattina nuove informazioni per la tua salute.

CONDIVIDI

Pensa alle persone che conosci, gli amici, la tua famiglia. Dai loro l’opportunità di stare bene, in salute. Condividi sui social quello che hai appena letto. Più condividi, più te ne saranno grati.

Lascia un commento

Devi loggarti per inserire un commento.