ACIDO FOLICO: NECESSARIO PER UNA BUONA GRAVIDANZA

I folati (spesso denominati più semplicemente acido folico o vitamina B9) rappresentano un gruppo di nutrienti di notevole importanza, in quanto sono coinvolti come coenzimi nella sintesi degli acidi nucleici, componenti del DNA, e degli aminoacidi. Inoltre, l’acido folico riveste una grande importanza durante la gravidanza e una sua carenza può comportare il manifestarsi di gravi malformazioni a carico del feto. Quali alimenti ci possono aiutare a soddisfarne i fabbisogni? È sempre necessaria l’integrazione? Scoprilo con i medici di Cibum dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese

acido-folico-gravidanza-folati

Consulenza scientifica

Giulia Tavella

Dottore in Dietistica. Ha conseguito la laurea triennale in Dietistica nel 2018 e laurea magistrale in Scienze dell’Alimentazione nel 2021. Svolge attività libero professionale, occupandosi di educazione alimentare e nutrizione per patologia. Si occupa da sempre con maggiore attenzione dell’alimentazione per la salute della donna. Socia Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica (ADI).

L’ACIDO FOLICO: COS’È E DOVE TROVARLO

L’acido folico è una vitamina idrosolubile che svolge varie funzioni tra cui partecipare alla sintesi amminoacidica, alla sintesi degli acidi nucleici ed è coinvolto anche nel mantenimento di adeguati valori ematici di omocisteina, una sostanza che, ad alti livelli, rappresenta un fattore di rischio cardiovascolare.

Tra gli alimenti, sia i cibi animali che vegetali contengono l’acido folico. In particolare tra gli alimenti più ricchi di questa sostanza ci sono:

  • le frattaglie come fegato e rene
  • i cereali integrali
  • i legumi
  • la verdura di colore verde scuro (broccoli, carciofi, asparagi, spinaci, bietole, ecc), ma anche carote, melone, avocado, frutta secca, funghi

È importante ricordare che il contenuto di folati negli alimenti è fortemente ridotto dalla cottura, dal congelamento, dall’esposizione al sole e perciò risulta importante conservare in maniera adeguata i cibi e consumarli sia crudi che cotti per trarne tutti i nutrienti necessari.

AlimentoContenuto acido folico su 100 g
Fegatini di pollo588 μg
Rene di bovino98 μg
Lievito di birra1230 μg
Cereali da colazione160-560 μg
Pane integrale72 μg
Asparagi211 μg
Broccoli125 μg
Carciofi120 μg
Spinaci110 μg
Lattuga55 μg
Piselli freschi65 μg
Fave fresche145 μg
Arance45 μg
Kiwi28 μg
Fragole24 μg
acido-folico-alimenti

ACIDO FOLICO: FABBISOGNO GIORNALIERO

Come per le altre vitamine, il fabbisogno di acido folico varia in base alla fascia di età. Per la popolazione adulta i LARN raccomandano un’assunzione giornaliera di 400 μg.

Per quanto riguarda le donne in età fertile, il fabbisogno aumenta (600 μg/die), e, inoltre, a partire da almeno 3 mesi prima del concepimento e per tutto il primo trimestre di gestazione, è consigliata una supplementazione di 400 μg al giorno.

Questo obiettivo può essere raggiunto anche attraverso l’utilizzo di integratori alimentari, laddove non fosse sufficiente l’apporto di tale nutriente attraverso gli alimenti.

acido-folico-malformazioni-feto

ACIDO FOLICO: I RISCHI SE CARENTE

La carenza di folati, insieme alla vitamina B12, rappresenta una delle più comuni carenze vitaminiche riscontrate nella popolazione. La principale manifestazione di questa carenza è l’anemia megaloblastica, ma possono presentarsi anche sintomi come inappetenza, deficit cognitivo, debolezza, infertilità maschile e aumento dei livelli ematici di omocisteina, con conseguente aumento del rischio cardiovascolare.

Alcune categorie di persone, come gli anziani, fumatori, alcolisti, persone che consumano solo cibi cotti o che presentano un ridotto assorbimento intestinale a causa di patologie come celiachia o morbo di Crohn, sono più soggette a incorrere in una carenza.

acido-folico-fabbisogno-giornaliero

L’ESPERTA: NECESSARIO IN GRAVIDANZA, MA SENZA ESAGERARE

“In gravidanza, invece, la carenza risulta particolarmente rischiosa in quanto può comportare il manifestarsi di gravi malformazioni a carico del feto (anencefalia e spina bifida) ed è per questo che è fondamentale fare prevenzione attraverso una supplementazione.” Indica la dottoressa Giulia Tavella, che avverte: “Attenzione però a non esagerare! La letteratura infatti è concorde nel limitare la supplementazione a chi ne ha effettivamente bisogno e non superando mai il livello massimo di assunzione di 1000 μg. Questo è dovuto al fatto che un eccesso di folati, così come un grave deficit, può comportare un aumento del rischio di tumore. Perciò, prima di iniziare una supplementazione, è sempre consigliabile eseguire un dosaggio della vitamina al fine di evitare inutili integrazioni della dieta.”

BIBLIOGRAFIA

  1. CREA – Centro di Ricerca Alimenti e Nutrizione. Linee guida per una sana alimentazione, dossier scientifico. 2018
  2. IEO – Banca Dati di composizione degli Alimenti (BDA)
  3. SINU, Società Italiana di Nutrizione Umana. LARN – Livelli di Assunzione di RIferimento di Nutrienti ed energia per la popolazione italiana. IV Revisione. A cura di: SINU-INRAN. Milano: SICS Editore, 2014
  4. Valentin M, Coste Mazeau P, Zerah M, Ceccaldi PF, Benachi A, Luton D. Acid folic and pregnancy: a mandatory supplementation. Ann Endocrinol (Paris) 2018 Apr;79(2):91-94
  5. Shulpekova Y, Nechaev V, Kardasheva S, et al. The concept of folic acid in health and disease. Molecules 2021 Jun 18;26(12):3731
  6. Moazzen S, Dolatkhah R, et al. Folic acid intake and folate status and colorectal cancer risk: a systematic review and meta-analysis. Clin Nutr 2018 Dec; 37(6 Pt A):1926-1934
  7. Field MS, Stover PJ. Safety of folic acid. Ann N Y Acad Sci. 2018 Feb;1414(1):59-71

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

Adesso che sai come fare, continua a seguirci. Ricevi ogni sabato mattina nuove informazioni per la tua salute.

CONDIVIDI

Pensa alle persone che conosci, gli amici, la tua famiglia. Dai loro l’opportunità di stare bene, in salute. Condividi sui social quello che hai appena letto. Più condividi, più te ne saranno grati.

Lascia un commento

Devi loggarti per inserire un commento.