OBESITÀ, MICROBIOTA E CHIRURGIA BARIATRICA

L'obesità è un problema di salute in tutto il mondo che raggiunge dimensioni epidemiche ed è accompagnato da una crescita delle relative comorbilità, come diabete di tipo 2, ipertensione arteriosa, malattie cardiovascolari, steatosi epatica non alcolica, e cancro. In Italia l’11% della popolazione risulta obesa. Le strategie di trattamento che includono modificazione dello stile di vita, terapia comportamentale e farmacoterapia sono insoddisfacenti e mancano di efficacia nella gestione dell'obesità patologica. Gli interventi chirurgici sono attualmente l'approccio evidence-based più efficace verso la perdita di peso clinicamente significativa e sostenibile insieme alla riduzione della mortalità e delle comorbilità correlate all'obesità

microbiota-e-disturbi-alimentari-foto

Consulenza scientifica

Massimo Vincenzi

Medico specialista in Medicina Interna, Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva, Scienza dell'Alimentazione e Medicina dello Sport. Responsabile del servizio di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva della San Pier Damiano Hospital, Faenza (Ravenna). Vicesegretario Nazionale dell'Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica. Coordinatore dei Gruppi di Studio e dell'Area Web dell’Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica ADI. Membro dell'American Gastroenterological Association (AGA) e Fellows ship dell'American Gastroenterological Association (AGAF). Componente dell’Editorial Committee del Mediterranean Journal of Nutrition and Metabolism.

IL MICROBIOTA CONTRIBUISCE AL MANTENIMENTO DEL PESO IDEALE

Oltre alla dieta, allo stile di vita, alla genetica e all’ambiente, il microbiota intestinale è stato recentemente riconosciuto come un potenziale contributo ai meccanismi dell’obesità e della sindrome metabolica. Il carico di nutrienti è una variabile chiave che può influenzare il microbiota intestinale umano. Uno dei principali phyla batterici, i Firmicutes, estrae più efficientemente le calorie dai carboidrati rispetto ai Bacteroidetes mediante la fermentazione di componenti alimentari. Tali metaboliti vengono assorbiti attraverso la mucosa intestinale, massimizzando così l’apporto energetico fornito dalla dieta.


Nutrients. 2017 Sep; 9(9): 974

PERDITA DI PESO ED INTERVENTI CHIRURGICI

Gli interventi chirurgici per la perdita di peso di solito utilizzati nell’obesità patologica includono la sleeve gastrectomy (SG) e il bypass gastrico (BPG).

La chirurgia bariatrica promuove e sostiene la perdita di peso, migliora la funzione delle cellule-β del pancreas, riduce l’adiposità, migliora la sensibilità all’insulina, il diabete mellito e altri parametri metabolici, riduce i fattori di rischio cardiovascolari e il tasso di mortalità.

I meccanismi con cui la chirurgia bariatrica migliora i parametri metabolici, oltre a ridurre il peso corporeo, nei soggetti obesi, non sono ancora ben definiti. Attualmente l’evidenza suggerisce che gli effetti benefici della chirurgia bariatrica sulla salute possono essere dovuti alle modificazioni del microbiota intestinale. È stato dimostrato che il bypass gastrico altera il microbiota intestinale come evidenziato dall’aumento proporzionale di Gammaproteobacteria negli individui sottoposti a tale intervento. Uno studio che ha valutato l’impatto di BPG sulla composizione microbica intestinale in pazienti con obesità patologica e con diabete mellito di tipo 2 ha rilevato che il BPG ha indotto un aumento di Proteobacteria e una diminuzione di Firmicutes e Bacteroidetes.

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è nutrients-12-00235-g001.jpg
Nutrients. 2020 Jan; 12(1): 235
(A) bypass gastrico con Roux-en-Y
(B) sleeve gastrectomy

L’ESPERTO: LA CHIRURGIA BPG

“L’effetto della chirurgia BPG nella modificazione del microbiota intestinale è stato dimostrato anche nei roditori. Uno studio fornisce prove dirette e convincenti a sostegno del ruolo della chirurgia per la perdita di peso nella modulazione del microbiota intestinale – indica il Dottor Massimo Vincenzi – che afferma: studi condotti su cavie hanno dimostrato che il BPG ha alterato il microbiota intestinale portando ad un notevole aumento di alcuni generi batterici, Escherichia e Akkermansia. Questi risultati sono importanti perché uno studio recente ha dimostrato che il trattamento con Akkermansia muciniphila contrasta gli effetti dell’insulino-resistenza, l’endotossiemia, l’eccessiva deposizione di grasso e l’infiammazione del tessuto adiposo. La supplementazione con questo tipo di batterio migliora anche la funzione della barriera intestinale, la secrezione del peptide intestinale e i livelli intestinali di endocannabinoidi, importanti molecole immunomodulatorie e antinfiammatorie.”

BYPASS GASTRICO (BPG) E MODIFICHE DEL MICROBIOTA

Una recente revisione della letteratura rivela che il microbiota intestinale modificato dal bypass gastrico è comunque diverso dalle alterazioni microbiche dell’intestino indotte da una perdita di peso tramite la terapia dietetica convenzionale.

Zhang ha mostrato la riduzione standard dei batteri Clostridium (Phylum Firmicutes) dopo BPG rispetto ai controlli. Ha anche evidenziato un aumento particolarmente significativo dei batteri Enterobacteriaceae (phylum Proteobacteria) nei soggetti dopo BPG, mentre non è stato osservato nel microbiota dell’intestino dei soggetti che non sono stati sottoposti a BPG.

Altri studi hanno evidenziato un aumento standard dei Firmicutes rispetto al rapporto con i Bacteroidetes nei pazienti obesi e dopo l’intervento una diminuzione di questo rapporto a distanza di 3 e 6 mesi in linea con la perdita di peso dei pazienti.

Anche la leptina, prodotta dalle cellule adipose, cambia ed i suoi livelli sono diminuiti in relazione inversa a livelli crescenti di specie Escherichia coli, Bacteroides e Prevotella. Il microbiota intestinale a breve termine (dopo 3 mesi) e a lungo termine (dopo 1 anno) risulta modificato con azione positiva sull’assetto metabolico, dopo BPG. La maggior parte di questi cambiamenti si è verificata entro i primi 3 mesi e sono stati mantenuti nei successivi 9 mesi.

I cambiamenti microbici dopo BPG sono più influenzati dal riarrangiamento intestinale piuttosto che dalla perdita di peso. Proteobacteria e Fusobacteria sono aumentati e F. prausnitzii produttore di butirrato è diminuito dopo BPG. L’aumento dei sistemi di trasporto e assorbimento di vitamine, minerali, composti organici, zuccheri semplici e amminoacidi potrebbe suggerire un aumento dell’attività dei batteri di assimilare i composti essenziali e tutti i possibili substrati energetici come meccanismi compensatori per contrastare la riduzione dell’assunzione di cibo dopo BPG.

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è nutrients-12-00235-g002.jpg
Nutrients. 2020 Jan; 12(1): 235

BIBLIOGRAFIA

  1. Duncan S.H., Belenguer A., Holtrop G., Johnstone A. M., Flint H. J., Lobley G. E. Reduced dietary intake of carbohydrates by obese subjects results in decreased concentrations of butyrate and butyrate-producing bacteria in feces. Applied and Environmental Microbiology. 2007;73(4):10: 1073-1078
  2. Fong AK, Wong SK, Lam CC, Ng EK Ghrelin level and weight loss after laparoscopic sleeeve gastrectomy and gastric mini-bypass for Prader-Willi syndrome in Chinese. Obes. Surg. 2012 Nov; 22(11): 1742-1745
  3. Furet J.-P., Kong L.-C., Tap J., et al. Differential adaptation of human gut microbiota to bariatric surgery-induced weight loss: links with metabolic and low-grade inflammation markers. Diabetes. 2010;59(12):3049–3057
  4. Graessler J., Qin Y., Zhong H., Zhang J., Licinio J., Wong M.L., Xu A., Chavakis T., Bornstein A.B., Ehrhart-Bornstein M., et al. Metagenomic sequencing of the human gut microbiome before and after bariatric surgery in obese patients with type 2 diabetes: Correlation with inflammatory and metabolic parameters. Pharmacogenomics J. 2013;13: 514–522
  5. Kim M.S., Hwang S.S., Park E.J., Bae J.W. Strict vegetarian diet improves the risk factors associated with metabolic diseases by modulating gut microbiota and reducing intestinal inflammation. Environ. Microbiol. Rep. 2013;5: 765–775
  6. Kong L.C., Tap J., Aron-Wisnewsky J., Pelloux V., Basdevant A., Bouillot J.L., Zucker J.D., Dore J., Clement K. Gut microbiota after gastric bypass in human obesity: Increased richness and associations of bacterial genera with adipose tissue genes. Am. J. Clin. Nutr. 2013; 98:16–24
  7. Ley R. E., Turnbaugh P. J., Klein S., Gordon J. I. Microbial ecology: human gut microbes associated with obesity. Nature. 2006;444(7122):1022–1023
  8. Li J. V., Ashrafian H., Bueter M., et al. Metabolic surgery profoundly influences gut microbial—host metabolic cross-talk. Gut. 2011;60(9):1214–1223
  9. Li J. V., Reshat R., Wu Q., et al. Experimental bariatric surgery in rats generates a cytotoxic chemical environment in the gut contents. Frontiers in Microbiology. 2011;2, article 183
  10. Liou AP, Paziuk M, Luevano JM Jr, Machineni S, Turnbaugh PJ, Kaplan LM. Conserved shifts in the gut microbiota due to gastric bypass reduce host weight and adiposity. Sci Transl Med 5: 178ra141, 2013
  11. Nadal I., Santacruz A., Marcos A., et al. Shifts in clostridia, bacteroides and immunoglobulin-coating fecal bacteria associated with weight loss in obese adolescents. International Journal of Obesity. 2009;33(7):758–767
  12. Palleja A, Kashani A, Allin KH, Nielsen T, Zhang C, Li Y, Brach T, Liang S, Feng Q, Jørgensen NB, Bojsen-Møller KN, Dirksen C, Burgdorf KS, Holst JJ, Madsbad S, Wang J, Pedersen O, Hansen T, Arumugam M. Roux- en-Ygastric bypass surgery of morbidky obese patients induces swift and persistent changes of the individual gut microbiota. Genome Med. 2016 Jun 15;8(1):67

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

Adesso che sai come fare, continua a seguirci. Ricevi ogni sabato mattina nuove informazioni per la tua salute.

CONDIVIDI

Pensa alle persone che conosci, gli amici, la tua famiglia. Dai loro l’opportunità di stare bene, in salute. Condividi sui social quello che hai appena letto. Più condividi, più te ne saranno grati.

Lascia un commento

Devi loggarti per inserire un commento.